fbpx

Chianti Classico Brancaia, non solo questione d’etichetta

Fin dal suo inizio, 40 anni fa, l’avventura di Brancaia nel mondo del vino è da sempre stata contraddistinta dalla volontà di affrontare nuove sfide e di mettersi ogni giorno in gioco per raggiungere standard di qualità e unicità sempre più alti.

L’ultima sfida accettata da Barbara Widmer e dal suo team è quella di rinnovare un punto fermo nella storia e nella produzione della cantina: il Chianti Classico Brancaia.

chianti classico brancaia barricaia

La storia: il Chianti Classico Brancaia

Nato insieme all’attività della cantina agli inizi degli anni 80, il Chianti Classico Brancaia è stata la prima etichetta prodotta dalla famiglia Widmer. Concepito inizialmente per un consumo proprio, ma salito fin da subito alla ribalta internazionale grazie al trionfo in un blind tasting organizzato dalla rivista Vinum, si è nel tempo consacrato come una delle icone dell’azienda.

È nel 2009 che compare per la prima volta in etichetta la denominazione aggiuntiva Riserva, in virtù dei 16 mesi di affinamento in tonneaux di rovere francese per il Sangiovese (80%) ed in barrique per il Merlot (205). Nel 2013 nasce, inoltre, anche il Chianti Classico annata Brancaia: un Sangiovese in purezza che racconta tutta la volontà di rendere omaggio al vitigno simbolo della denominazione, grazie a spiccate caratteristiche di acidità e bevibilità ed al bouquet aromatico, dominato dagli aromi tipici del frutto come ciliegia e violetta.

chianti classico brancaia castellina in chianti

La sfida: la terza etichetta Chianti Classico Brancaia

Il grande desiderio di racchiudere tutto l’amore per un territorio in una bottiglia sempre nuova e migliore da condividere con i wine lovers ha però spinto il team Brancaia verso un’altra eccitante sfida: l’aggiunta di una terza etichetta di Chianti Classico.

A partire dalla vendemmia 2019, infatti, Brancaia lancia la sua Gran Selezione, che entrerà in commercio per la prima volta il prossimo autunno: un 100% Sangiovese realizzato con le uve del vigneto di Castellina in Chianti, certificato biologico. Affinato per 18 mesi in tonneaux di rovere francese e per almeno ulteriori 12 in bottiglia, Brancaia Chianti Classico Gran Selezione esplorerà caratteristiche nuove, rivelando una grande struttura da abbinare alla raffinata eleganza che contraddistingue i prodotti dell’azienda.

La costante voglia di proporre intriganti novità non si ferma però soltanto al vino in bottiglia, ma coinvolge anche il packaging.

Con l’uscita del Chianti Classico 2020 e del Chianti Classico Riserva 2018, infatti, Brancaia ha completamente ripensato il loro aspetto. Nuovi colori, una più alta qualità della carta, più opaca dalla texture più naturale, e un carattere serif, più tradizionale, per la denominazione. Sono questi gli elementi che caratterizzano la nuova linea Chianti Classico Brancaia “classicamente” elegante, proprio in stile dell’azienda, che sarà completata l’anno prossimo con la prima annata della gran selezione. Restate sintonizzati!

chianti classico brancaia

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi