fbpx

Vendemmia 2020 confermate uve di ottima qualità

La vendemmia 2020 si preannuncia con una quantità in leggero calo rispetto al 2019, ma l’uva è di qualità.

Se volete i primi dati e le prime osservazioni di Assoenologi, Ismea e Unione Vini Italiani potete leggere l’articolo “Vendemmia 2020 alcuni dati“.

Vendemmia del Sangiovese Montecucco

Tra pochi giorni inizierà la vendemmia del Sangiovese e i viticoltori di Montecucco sono ottimisti. L’uva ha subito un calo del 10-15% rispetto al 2019. Lo scorso anno sono stati raccolti 22 mila quintali di uva. Il 2020 si preannuncia abbastanza equilibrato.

Secondo l’opinione di Claudio Tipa, Presidente del Consorzio di Tutela Montecucco, la primavera è stata regolare, senza piogge o gelate eccessive.

È seguito un clima estivo poco piovoso. A Settembre ci sono state delle piogge, ma ora i parametri si stanno per equilibrare.

vendemmia

Sempre nello stesso territorio è iniziata la raccolta del Vermentino. La maturazione aromatica delle uve è perfetta grazie alle alte temperature raggiunte nei mesi di luglio e agosto.

Le piogge dei primi giorni di Settembre hanno rallentato il ciclo vegetativo, ritardando leggermente la vendemmia, ma i profumi sono a livello ottimale.

Vendemmia Vernaccia di San Gimignano

È iniziata la vendemmia della Vernaccia di San Gimignano in gran parte del territorio. Alcuni produttori hanno preferito aspettare una settimana per l’inizio della raccolta.

L’andamento stagionale è stato ottimale, senza stress idrici e senza eventi meteorologici traumatici. Nel 2020 i produttori si sono presi cura delle proprie vigne senza impegni fieristici o commerciali annullati a causa del covid-19.

Il clima caldo, asciutto e ventilato dei mesi di luglio-agosto ha permesso una perfetta maturazione. Le piogge di fine Agosto e le notti fresco hanno aiutato la maturazione e preservato l’acidità.

Sebbene la quantità delle uve è leggermente inferiore a quella del 2019, la vendemmia della Vernaccia di San Gimignano è iniziata con una settimana di anticipo.

Il mese di Settembre è decisivo per la qualità e la quantità delle uve. Le premesse finora sono buone, ma è ancora presto per sbilanciarsi.

vendemmia

Vendemmia in Valtellina

La vedemmia in Valtellina sta per iniziare e le foglie stanno iniziando a assumere i tipici colori autunnali. Secondo Martino Salvetti della fondazione Fojanini il mese di Agosto è stato poco piovoso, con poche piogge, ma di forte intensità.

I viticoltori devono prestare effettuare una pulizia accurata delle piante. Occorre prestare attenzione alla salute delle piante, in particolare a fare una pulizia accurata per evitare marciumi che potrebbero compromettere il raccolto. Altrettanto importanti sono i trattamenti di chiusura.

L’uva è in leggero anticipo con la maturazione ed il mese di Settembre sarà decisivo per la qualità della vendemmia. L’ideale sarebbe se si avesse una maggiore escursione termica giorno-notte per rinforzare la buccia degli acini.

Vendemmia in Valpolicella

Nei prossimi giorni si apre anche la vendemmia tra i filari di Corvina della Valpolicella. Nonostante la mancanza di manodopera, scenderanno in campo 6000 veronesi come lavoratori stagionali.

I lavoratori sono in prevalenza da studenti e neo-laureati (età media di 24 anni). Ci sono anche pensionati.

vendemmia

Gli ettari vitati sono 8.300 distribuiti nei 19 comuni della Valpolicella DOC. Nel veronese i produttori di uve sono 2.273 e le aziende imbottigliatrici sono 272. Nel 2019 le bottiglie prodotte hanno superato i 64 milioni (18,6 milioni per Valpolicella, 30 milioni per Ripasso e 15,4 milioni per Amarone e Recioto).

Christian Marchesini, neo Presidente del Consorzio Vini in Valpolicella, sulla manodopera ha affermato:

Si tratta di un risultato importante che ci ha permesso di rispondere all’emergenza di reperimento della manodopera necessaria per la cernita delle uve destinate a produrre un Amarone di qualità. Infatti, se le giornate di sole proseguiranno per tutto il mese di settembre, e in assenza di altri episodi meteo violenti, potremo parlare di una buona vendemmia“.

Vendemmia tricolore in Piemonte

A Serralunga d’Alba (CN) dal 19 Settembre all’8 Novembre nelle colline patrimonio Unesco si svolgerà la “vendemmia tricolore“. 

Le migliori vigne delle menzioni geografiche ufficiali si vestiranno a tricolore. L’idea è stata del Comune di Serralunga con l’Associazione Turistica Pro Loco.

In ogni cru ci sarà una postazione allestita con la descrizione del vigneto e le sue caratteristiche morfologiche, le varietà presenti, le caratteristiche organolettiche che ne derivano. Le vigne saranno identificabili, anche a distanza, dalla presenza di una bandiera italiana.

vendemmia

L’inaugurazione di questo evento si svolgerà Domenica 20 Settembre durante la mostra mercato Sagra del Cugnà (rinomata mostarda tipica della tradizione culinaria piemontese ottenuta dal mosto d’uva).

La vendemmia piemontese vuole essere un segno di ripresa dal covid-19. Il Piemonte è impegnato in azioni mirate per promuovere i vini piemontesi sui mercati esteri e quelli emergenti.

Tutti gli appassionati di trekking ed enoturismo, inoltre, potranno percorrere i sentieri di Serralunga. Gli appassionati saranno a contatto con la natura per assaggiare i migliori Barolo del territorio, scoprendo dove nascono.

Per approfondire potete leggere l’articolo “Maturazione dell’uva e vendemmia in vigna” oppure “Come si fa il vino?“.

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi