fbpx

Tra i bianchi per l’estate spicca, per freschezza e persistenza, il Pecorino d’Abruzzo

L’Abruzzo non è solo terra di Montepulciano ma, grazie al vitigno pecorino che nasce nell’entroterra e ora si è diffuso in tutta la regione, offre un’allettante proposta di vini bianchi perfetti per la stagione estiva. Questo vitigno a bacca bianca per raggiungere l’eccellenza preferisce zone fresche e forti escursioni termiche. Oltre a maturare presto, è un’uva molto zuccherina, che determina gradazioni alcoliche piuttosto elevate e dà vita a vini di buona struttura e acidità marcata.  Fino alla fine degli anni ’80 del pecorino si erano perse le tracce, erano presenti solo alcune piante nel teramano e nella provincia dell’Aquila. Oggi grazie ad un lavoro di recupero e di selezione e all’audacia di alcuni viticoltori sono disponibili vini anche di grande pregio.

L’Abruzzo Pecorino con un colore giallo paglierino tendente al dorato, un gusto fresco armonico, persistente, caratteristico e con un bouquet fruttato e floreale, è caratterizzato da profumi di frutta tropicale, note agrumate e balsamiche e al palato risulta secco e armonico. Ottimo con i primi e il pesce, carni bianche e salumi, dei quali esalta il sapore in modo eccellente. Potrebbe quasi essere definito un “rosso vestito di bianco” per la sua versatilità e capacità di invecchiamento. Una curiosità è che il nome del vitigno rimane tutt’oggi un mistero, ma tra le varie ipotesi vi è quella che lo lega alla pratica della pastorizia transumante, tipica dell’Abruzzo: pare che le pecore andassero pazze per questo tipo di uva che, maturando prima delle altre varietà regionali, era dolcissima nel periodo del loro passaggio, verso metà settembre.

Le caratteristiche organolettiche del vino prodotto da uve “pecorino” dipendono molto, ovviamente, dal suolo su cui sono impiantate le vigne e dai metodi di vinificazione e affinamento. Versatile e persistente, è uno di quei vini che sicuramente rimangono ben impressi! Ecco qualche suggerimento prezioso per andare alla scoperta delle tante proposte abruzzesi:

  • Fattoria Gaglierano – Abruzzo Pecorino DOP BIO

Claudio e Simona hanno costruito una vera oasi dove l’artigianalità del passato abbraccia l’innovazione del futuro garantendo prodotti di straordinaria qualità. La fattoria è posta a circa 250m s.l.m. in posizione invidiabile su fertili e dolci pendii ricoperti di uva Montepulciano e Pecorino. È certificata biologica d attua un sistema di agricoltura estremamente pulita con particolare attenzione al ciclo stagionale e alla fertilità naturale dei terreni. Uno dei fiori all’occhiello dell’azienda e il Pecorino DOP, prodotto rigorosamente con uve provenienti da agricoltura biologica e raccolte a mano. (Scopri di più sul sito http://www.fattoriagaglierano.it/ )

  • Pasetti – Abruzzo Pecorino DOP

Il pecorino è un “must” dell’azienda Pasetti, specchio autentico della forte tradizione abruzzese che qui si esprime nell’eccellenza di uno dei suoi vitigni autoctoni. Questo giovane pecorino in purezza rappresenta oggi un terzo della produzione aziendale. Caratterizzato da un colore giallo paglierino brillante, spicca per sentori di sambuco, pompelmo e frutta matura a polpa gialla. La vena acidula e la sapidità si equilibrano con un’ottima struttura, una buona persistenza e una grande morbidezza.È un vino che si abbina perfettamente a crudi di pesce, salumi, lasagna in bianco, risotti, animali da cortile e formaggi di media stagionatura. (Per maggiori informazioni visita il sito http://www.pasettivini.it/it/)

  • San Lorenzo – Abruzzo Pecorino DOC

Una storia che dura da oltre un secolo e più precisamente da 130 anni quando la prima generazione della famiglia scelse di mettere a dimora, sulle colline teramane, le prime barbatelle. La scelta fu fatta con lungimiranza e saggezza poiché la poca distanza dal Gran Sasso d’Italia (20 km) e la vicinanza al mare (20 km dalle rive dell’adriatico) garantiscono ancora oggi le condizioni climatiche ideali per temperatura e ventilazione. Grazie ad una spiccata attitudine all’innovazione e al cambiamento, l’azienda da alcuni anni ha deciso di impiegare lieviti naturali in fase fermentativa, applicare il controllo completo della temperatura durante tutto il processo di vinificazione e ricorrere alla criomacerazione per ottenere risultati d’eccellenza. Il Pecorino di San Lorenzo è facile da abbinare con piatti strutturati grassi, formaggi freschi e stagionati e ottimo con piatti di pesce; in bocca risulta molto caldo, intenso, supportato da una bella vena acida, presentandosi rotondo e di corpo. (Tutte le caratteristiche le trovi in http://www.sanlorenzovini.com/)

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi