fbpx

Duca di Dolle: il gioiello Superiore D.O.C.G. incastonato nel cuore dell’Unesco

“Una cartolina mandata dagli Dèi”.

Andrea Zanzotto, uno dei più grandi poeti italiani del Novecento, definì in questo modo Rolle, il primo borgo tutelato dal FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano), situato nel cuore delle colline di Conegliano-Valdobbiadene. Siamo in uno dei punti più suggestivi della D.O.C.G. Superiore lungo la Strada del Prosecco, che l’Unesco nel 2019 ha riconosciuto come patrimonio mondiale dell’umanità: qui nasce il prosecco Duca di Dolle, in una tenuta che affonda le sue origini nel XVI secolo, oggi sinonimo di qualità, eleganza ed eccellenza a livello internazionale.

Se cercate un approfondimento potete leggere l’articolo ” La D.O.C.G. Superiore secondo Duca di Dolle: tra Storia e Innovazione “.

Quella di Duca di Dolle è una storia di oltre seicento anni. Le testimonianze più antiche raccontano di un convento medioevale, di cui restano ancor oggi il portale d’ingresso e le arcate del chiostro, già allora centro di produzione vitivinicola: i frati camaldolesi che lo abitavano iniziarono infatti per primi la tradizione vinicola di questi colli, tanto da far divenire l’eremo un punto di riferimento per la zona.

“Una storia che passa anche attraverso la letteratura, l’arte e la poesia”.

Nella prima metà del ‘900 la tenuta divenne proprietà del “poeta contadino” Nino Mura. Questo personaggio singolare, poeta dilettante e appassionato di natura e cultura, tra gli anni ’50 e ’60 aprì il luogo ad amici eletti, quali i poeti Giovanni Comisso e Andrea Zanzotto, con cui amava intrattenersi in serate conviviali.

prosecco duca di dolle relais

Dal 2011 Duca di Dolle è parte del Gruppo Baccini che, provenendo dal mondo dell’altissima tecnologia, ha da subito deciso di puntare sull’innovazione, sulla qualità dei prodotti e sulla sostenibilità ambientale.

“Alta qualità ed eccellenze territoriali, i valori a cui la proprietà da sempre dedica particolare attenzione nelle sue attività”.

Il Gruppo Baccini è una realtà dell’imprenditoria trevigiana che si contraddistingue per l’alta tecnologia e qualità delle sue soluzioni ed iniziative.

Cura e know-how territoriali hanno fatto perno a numerose attività di conservazione di beni culturali e storici, fra cui la tenuta Duca di Dolle che oggi conta oltre 100 ettari tra vigneti autoctoni Glera, Verdiso e Perera, boschi, prati e pascoli e un relais di charme di altissimo livello.

prosecco duca di dolle linea produttiva

Credendo fortemente nella valorizzazione e nella salvaguardia dell’incantevole territorio di Rolle, la proprietà della tenuta ha voluto mantenere l’area il più possibile incontaminata. Una vera e propria oasi di pace e natura, immersa nel silenzio delle colline.

prosecco duca di dolle paesaggio

“Cerchiamo continuamente di valorizzare i nostri prodotti, il nostro lavoro e il nostro marchio” afferma il proprietario Andrea Baccini “e lo facciamo attraverso bottiglie che, nella loro essenzialità, raccontano una storia di qualità legata alla terra e alla tradizione. 

Ci piacerebbe che, nel ricordo di chi beve un nostro vino, rimanesse impressa l’esperienza Duca di Dolle che va oltre ad un buon Prosecco: è un’esperienza fatta di eccellenza, ricerca, innovazione, passione e amore, tutti ingredienti che consentono di esprimere al meglio il nostro territorio in ciascuna bottiglia di Presecco Duca di Dolle”.

prosecco duca di dolle zero

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi