fbpx

Barolo del Comune di Serralunga d’Alba Renaissance 2018 Fontanafredda per il tuo Black Friday

La Black Week di xtraWine è iniziata ed è il momento di scoprire quali vini non farsi scappare durante i super saldi più attesi dell’anno. Nella nostra lista per il Black Friday non può mancare il Barolo del Comune di Serralunga d’Alba Renaissance 2018 Fontanafredda, un’istituzione del mondo dell’enologia piemontese.

Dopo aver esplorato gli Amaroni di Casa Sartori, oggi andiamo in Piemonte con Fontanafredda per aggiornare la nostra lista dei desideri per il Black Friday e parlare di un Barolo davvero unico.

Parliamo infatti del Barolo del comune di Serralunga d’Alba Renaissance 2018 Fontanafredda, che a 30 anni dalla nascita, consolida la propria tradizione e la arricchisce con un concept completamente rivoluzionario di vino e civiltà.

La rinascita del Barolo del comune di Serralunga d’Alba Fontanafredda

Il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018 Fontanafredda rinasce dalla sua nuova immagine: un simbolo di Rinascimento Verde, che ridefinisce anche l’idea di come si degusta un vino.

Attraverso il suo vino più iconico, Fontanafredda vuole infatti risvegliare lo spirito critico di chi lo beve.

Come? Analizzando in 10 anni, i 10 sentimenti che nella storia della nostra civiltà hanno dato origine alle rinascite collettive.

La prima parola scelta è Speranza. Nasce così Barolo del comune di Serralunga d’Alba Renaissance 2018. Il Barolo della Speranza. Anche Biologico.

Barolo del comune di Serralunga d’Alba Fontanafredda, un’icona dal 1988

Correva l’anno 1992 quando venne prodotta la prima annata di Barolo Serralunga d’Alba, la 1988. Dopo 30 anni dalla nascita di questa menzione comunale, Fontanafredda vuole dare nuovi valori alla propria Icona enologica.

Un Barolo identitario, la prima menzione comunale al mondo, riconosciuto dalla critica nazionale e internazionale, che rappresenta la potenza del terroir di Serralunga e l’eleganza dello stile Fontanafredda, floreale, balsamico, vibrante, fresco e con una nuova verità.​

Barolo Serralunga d'Alba Renaissance 2018 il Barolo della Speranza

Il Barolo della speranza, una riflessione per un nuovo concetto di vino

Al centro del Rinascimento Verde proposto da Fontanafredda c’è il rispetto per la Terra come guida ad ogni scelta quotidiana. Per veicolare al meglio questa idea già dal primo impatto con la bottiglia, si è deciso di introdurre un elemento che coincide con il cuore del primo rinascimento: l’arte.

Fontanafredda ha così deciso di unire l’arte della prosa e dell’illustrazione con quella della vinificazione e del vino. Ed ecco che in questa magica unione trova vita il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018.

“L’arte di fare il vino, l’arte della prosa e dell’illustrazione si uniscono per dar vita a una collezione di 10 sentimenti.”

L’azienda piemontese è dunque partita individuando quali fossero i 10 valori e sentimenti che nella storia hanno dato origine alle rinascite della civiltà, analizzandole attraverso tre forme d’arte: l’arte di fare il vino, l’arte di scrivere e quella di raffigurare.

Anno dopo anno grandi scrittori italiani contemporanei rifletteranno su uno di questi valori attraverso monografie e analisi, mentre rinomati illustratori daranno la loro interpretazione visiva.

Ed ecco che ogni anno, per dieci anni, il Barolo Fontanafredda del comune di Serralunga d’Alba sarà lo strumento per interpretare un nuovo rinascimento, dove il rispetto per la Terra diventa anche rispetto per le Persone.

Barolo Serralunga d'Alba Renaissance 2018 il Barolo della Speranza

Cominciamo dall’anno zero, il 2022 con il Barolo della Speranza

Quest’anno, sarà l’anno zero, in cui il Barolo Serralunga d’Alba darà via alla rinascita. La Speranza, il primo sentimento, è stato raccontato dallo scrittore contemporaneo Marco Missiroli, con la monografia dal titolo: 12, gli umani potrebbero chiamarla Speranza. La rappresentazione è invece di Elisa Talentino, giovane artista piemontese riconosciuta a livello internazionale, che, attraverso l’illustrazione di una Cocorita Blu raffigura la speranza. 

Barolo Serralunga d'Alba Renaissance 2018 il Barolo della Speranza

Nasce così il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018, frutto di un’annata straordinaria.

Il 2018, è infatti un anno ricco di avvenimenti che hanno segnato la storia del mondo intero, come la sonda InSight che atterra su Marte. Il 2018 ha rappresentato anche un’annata vitivinicola straordinaria sulle vigne di Langa.

Dopo un inizio costellato di abbondanti precipitazioni, con grande attenzione in fase di vendemmia, l’annata 2018 ha infatti consentito di ottenere risultati superiori alle attese.

Il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 20218 è infatti un vino dal colore luminoso, rosso rubino con riflessi granato brillante. Al naso presenta una bellissima florealità con un profumo netto e intenso e che lascia subito spazio alla complessità di tutte le sue spezie. In bocca è morbido, setoso e poi subito emerge il tannino armonico e vibrante.

Come accompagnarlo

Il Barolo per antonomasia si abbina a piatti importanti, come i secondi di carne della tradizione piemontese e formaggi a media-lunga stagionatura.

Ma non solo, se esploriamo le possibilità dell’enogastronomia mondiale possiamo spaziare in originali abbinamenti: dalla boeuf bourguignonne francese sino ad arrivare in Asia con il Nasi Goreng, passando per il Canada e la sua carne affumicata di Montréal. A piacere, può anche accompagnare il conversare di fine pasto o un brindisi “speciale”!

Barolo del Comune di Serralunga d’Alba 2018 tra i Top 100 Wines 2022 di Wine Spectator

Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018 si distingue non solo per l’innovativa idea di legare vino ad arti visive e letterarie, ma anche per la maestria della sua produzione.

Si è classificato infatti tra i Top 100 Wines 2022 di Wine Spectator e non solo, è il primo Barolo della classifica tra i venti vini italiani premiati.

Ogni anno, i redattori di Wine Spectator, una delle riviste americane più importanti e influenti nel mondo del vino, seleziona i Top 100 Wines mondiali, esaminando i vini recensiti negli ultimi 12 mesi in base a qualità, valore, disponibilità ed eccellenza.

Secondo Bruce Sanderson, Senior Editor di Wine Spectator e degustatore per l’Italia il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018 è “una bella espressione di sapori di ciliegia, rosa e minerali, con freschezza e purezza. Mostra una solida base di tannini densi ma raffinati. Finale lungo. Il meglio dal 2025 al 2042”.

Provalo ora su xtraWine.

anteprima xtrawine-scopri-ora

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi