fbpx

xtraWinexperience: Il Capodanno Cinese

Riprende l’xtraWinexperience e partiamo con il Capodanno Cinese. Il 2023 sarà l’anno del Coniglio! Cosa e’ il Capodanno Cinese? Di cosa si tratta?

Riparte l’xtraWinexperience ma quest’anno andremo in giro per l’Italia ed il mondo alla scoperta del legamo vino e cultura e cultura del vino! E la nostra prima tappa e’ proprio la Cina ed un evento che consideriamo affascinante, interessante e bellissimo: il Capodanno Cinese!

Come sempre, andiamo alla scoperta di questo evento, parlando di curiosità e -soprattutto- cultura del vino.

xtraWine curiosity Corner: cosa e’ il capodanno cinese

Come la nostra Pasqua, il Capodanno Cinese non cade in una data fissa ma coincide con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno; ovvero, tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.

I festeggiamenti durano due settimane ed e’  una festa che coinvolge milioni di persone in tutto il mondo, tra i quali, ad esempio, la Corea, la Mongolia, la Malesia, il Vietnam e altri paesi Asiatici e non solo!

Infatti, anche in Italia, e soprattutto in alcune delle più grandi città dove la presenza della comunità cinese è maggiore rispetto ad altre città, festeggiamo il Capodanno Cinese. Qualche esempio? Nella Chinatown di Milano, nel Quartiere Esquilino a Roma, e ancora a Napoli, Venezia e Prato.

A differenza del nostro  Capodanno, che segna il passaggio ad un nuovo anno, la tradizione cinese assegna ai vari anni un animale con una cadenza ciclica di 12 anni. Quindi, un evento ciclico: ogni 12 anni si ripete un animale. Sono infatti proprio gli animali che, secondo le leggende, hanno risposto alla chiamata di Buddha.

Il 2023 è l’anno del coniglio, simbolo di tranquillità, grazia ed ambizione. Più in particolare è l’anno del coniglio d’acqua, capace di capire l’anima umana in modo profondo.

people walking on street during night time
Photo by Balazs Simon

Come si festeggia il Capodanno Cinese?

I festeggiamenti che durano due settimane coinvolgono sia la sfera privata che la vita pubblica e sociale.

Nel giorno della vigilia, le famiglie dedicano tempo alla pulizia della casa, che simbolicamente significa eliminare le tracce dell’anno vecchio per accogliere il nuovo

Si cena con i parenti più stretti, ci si regalano delle buste rosse contenenti denaro, petardi, vestiti nuovi e decorazioni varie che vengono utilizzate anche per addobbare le case. 

Segue poi il primo giorno dell’anno nuovo, durante il quale si fa visita a parenti e amici, rispettando un ordine gerarchico di anzianità in segno di rispetto.

Durante gli altri giorni, soprattutto l’ultimo giorno, hanno luogo svariate feste e cerimonie, le più famose e più antiche sono la danza del leone, la danza del dragone e soprattutto la festa delle lanterne.

E proprio durante quest’ultima festa, è usanza attaccare dei foglietti rossi  per le strade, nei negozi, alle porte delle case. Su ognuno vi è un indovinello e i passanti possono divertirsi a risolverlo. Che delizia! Un Capodanno ideale!

Interessantissimo inoltre e’ sapere che il rosso e l’oro sono i colori predominanti in queste due settimane di festa. Il rosso è simbolo di fortuna, l’oro di abbondanza. Ecco che entrambi si ritrovano nelle decorazioni affisse in tutte le città, alle porte delle case, nei vestiti che si indossano la vigilia. Sono anche i colori che si ritrovano nei piatti e sulla tavola.  

Come festeggiare il Capodanno Cinese con xtraWine

Per i nostri xtraWiners abbiamo pensato ad un vino perfetto per capire, celebrare ed apprezzare il Capodanno Cinese.  

Vi proponiamo un ottimo vino rosso: il Marziano Abbona Langhe Rosso I Due Ricu 2019

Lo abbiamo scelto per due motivi:

  1. L’adorabile etichetta che richiama l’anno del Coniglio
  2. La persistenza del vino rosso che si abbina molto bene ad una cucina speziata come quella Cinese.

cinese

Un rosso Piemontese pluripremiato prodotto dalle cantine Marziano Abbona. Questo vino rappresenta il felice connubio dei due classici vitigni della zona, nebbiolo e barbera, con una piccola porzione di pinot nero. Il suo colore intenso, pero’ lo si puo’ ricondurre all’uva barbera. Le zone di produzione delle uve sono divise tra Dogliani e Monforte d’alba.

Un vino  generoso e carnoso, con sapori intensi di ciliegia e lampone con tocchi di vaniglia e spezie. Al palato è terroso e speziato, con un finale rinfrescante e carico di acidità. Se fate parte del popolo del coniglio, provatelo con piatti di carne a base di erbe e spezie.

Happy celebrating xtraWiners!

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi