Come togliere le macchie di vino rosso?

Immagina: finalmente è arrivata la serata che aspettavi, la cena con quelle persone che non vedevi da tanto e finalmente siete a tavola nel tuo ristorante preferito. La cena è stata deliziosa, appoggi la forchetta e carichi il bicchiere con quel vino rosso che ti concedi solo nelle occasioni speciali e… SPLASH! Il vino è sulla camicia.

Può capitare purtroppo di incappare in situazioni simili, oggi vi prepariamo ad affrontare l’emergenza nel migliore dei modi perché, se non vi è mai capitato, siamo sicuri vi capiterà (parafrasando la Legge di Murphy).

1- Agire velocemente

Potreste cadere nella tentazione di posticipare il problema, coprendo il danno con un soprabito, rimboccandovi le maniche macchiate o persino cambiandovi se ne avete la possibilità. Trascurando o delegando alla lavatrice il problema.

Sbagliando.

Solitamente lasciar passare ore da un primo intervento può lasciare il segno indelebilmente. Infatti il vino permea i tessuti e in poche ore può diventare impossibile da rimuovere.

2- Proteggere tutto ciò che può venire a contatto

Come abbiamo detto il vino permea, per questo la seconda operazione da fare immediatamente è mettere in salvo tutto quanto possa essere macchiato.

Se sotto all’indumento non portate altro, non ci sono problemi, altrimenti è necessario circoscrivere la disgrazia. La soluzione più rapida è togliersi quanto macchiato in modo che non vada a sporcare altro, se non è possibile farlo, mettete subito un tovagliolo o un panno sotto alla macchia per far assorbire il vino e bloccarlo.

3- Assorbire il vino e limitare il danno

Dopo aver liberato il campo e messo in salvo tutto il possibile, bisogna affrontare la macchia.

Assorbiamo il più possibile il vino, tamponando con un panno o un tovagliolo la macchia ripetutamente e premendo lentamente fino a quando la macchia non rilascia più vino.

Attenzione a non sfregare o dilatare la macchia in questa operazione per non rovinare il tessuto o allargare il danno.

4- Mantenere umida la macchia ma senza scaldarla

Lasciare che la macchia si asciughi è uno degli sbagli più grandi in questi concitati minuti. Bisogna tenerla umida affinchè possa rigettare più vino possibile prima che questo faccia il percorso opposto, permeando il tessuto in profondità o per capillarità.

Un altro errore da evitare è utilizzare dell’acqua calda anche se può sembrare una soluzione logica. Il calore in questa fase lavorerebbe con la macchia permettendo al vino di essere assorbito ancora più a fondo.

Manteniamo umida la macchia con acqua fredda, naturale o gassata che sia, su questo ci sono teorie discordanti ma speriamo non dobbiate provare due volte l’esperienza.

5- Versare sale o farina sulla macchia per assorbire il vino

Mantenendo umida la macchia verificate se avete a disposizione sale o farina. Coprite la macchia con abbondante sale o farina per poi tamponare nuovamente con un tovagliolo, in questo modo potrete assorbire per osmosi altro vino. Quando l’effetto dell’osmosi avrà fatto il suo tempo rimuovete con acqua fredda i granelli rimasti.

A questo punto, ripetete il terzo passaggio, mantenendo sempre umida e fresca la macchia.

6- Pre-trattare la macchia e impostare la lavatrice

Dopo aver fatto gli sforzi necessari a limitare e assorbire la macchia, tocca alla lavatrice. Importante può essere pre-trattare con uno smacchiatore i capi coinvolti.

Per fare questo fidatevi delle istruzioni riportate sulla scatola del prodotto scelto. Questo passaggio dovrebbe azzerare la possibilità che la macchia intacchi altri capi così come evitare le alte temperature.

Buttiamo il capo macchiato e quant’altro all’interno della lavatrice e impostiamola. In generale il più dovrebbe esser fatto ma cerchiamo di tenere a basse temperature il lavaggio. Impostiamo la lavatrice a 30 gradi e usiamo un detersivo di qualità.

7- Non usare il ferro da stiro

Siamo giunti alla fine della missione, finalmente tiriamo fuori la nostra camicia, tovaglia, pantaloni che siano dalla lavatrice…e?

Se della macchia è presente ancora qualche traccia potete ripetere il passo 6 nella speranza che questa si estingua. Se, come speriamo, la macchia è svanita evitate di stirarla. Infatti il calore può essere ancora un alleato capace di lasciare aloni o sfumature sgradite.

Speriamo questa guida non serva a nessuno dei nostri lettori, in ogni caso la prudenza non è mai troppa!

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi