fbpx

Patate sabbiose: ricetta e abbinamento vino

Oggi xtraWine vi propone un contorno alternativo alle classiche patate fritte o al forno per stupire i vostri ospiti del weekend: le patate sabbiose.

La patata appartiene alla famiglia delle solanacee ( è quindi cugina di ortaggi quali melanzane, i pomodori, i peperoni ecc.) ed è uno degli alimenti più consumati al mondo dopo i cereali. Le patate hanno un elevato contenuto di acqua (78,5 grammi ogni 100 g di alimento), i grassi sono quasi assenti e non contengono colesterolo, ma sono ricche di amido. Sono dunque perfette per qualsiasi dieta, dalla vegetariana alla dimagrante.

La ricchezza di amido ha reso la patata anche uno dei principali ingredienti per il superalcolico simbolo dell’est Europa: la Vodka.

Ebbene sì, la produzione di Vodka si basa principalmente sugli zuccheri polisaccaridi presenti nell’amido delle patate coltivate in Russia e Polonia. I polacchi, tra l’altro, sembrano essere il popolo che apprezza di più la patata arrivando a consumarne 150 Kg all’anno a testa!

Tornando alla ricetta di oggi, le patate sabbiose, vi proponiamo una ricetta semplicissima, a base di ingredienti che sicuramente avete già a casa. Cominciamo!

Ingredienti:

  • 1000 g di patate
  • 30 g di pangrattato
  • 20 g di parmigiano reggiano
  • 2 rametti di rosmarino tritati finemente
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale, pepe q.b.

Preparazione:

  1. Lavate, pelate e tagliate le patate in spicchi, quindi mettetele in una ciotola con dell’acqua fredda per evitare che anneriscano.
  2. In un’altra ciotola versate il pangrattato, il parmigiano e il rosmarino tritato finemente.
  3. Preriscaldate il forno a 160 °C.
  4. In uno scolapasta scolate le patate precedentemente tagliate a spicchi.
  5. Versatele nella ciotola con il pangrattato, il parmigiano, il rosmarino, quindi conditele con un olio, sale, pepe e mescolate il tutto.
  6. Versate le patate in una pirofila, precedentemente unta con un giro d’olio, quindi informate a 160 °C per 30 minuti circa. Le patate saranno pronte quando saranno dorate e croccanti.
  7. Una volta pronte, aspettate qualche istante, poi servitele in tavola.

Qual è il vino in abbinamento?

Il vino in abbinamento è un Riesling dell’Alto Adige, vino bianco dal profumo fruttato di pesca ed albicocca, dal sapore ben strutturato e di lunga persistenza.

Il vitigno Riesling è originario della valle del Reno ed è il più noto e diffuso vitigno tedesco.

Il suo nome sembra derivare dall’espressione: “Reissende Tiere” cioè “animali selvatici”, in quanto deriva da vitigni selvatici addomesticati. È diffuso in Ungheria, Slovenia, Austria e Croazia, mentre in Italia viene coltivato nelle zone dell’Oltrepò Pavese, in Trentino e in Friuli Venezia Giulia.

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi