fbpx

Intelligenza e vino: quelli che bevono sono più intelligenti

Siete invitati ad una cena tra amici: buon cibo fatto in casa, chiacchiere, risate in piacevole compagnia, e vi offrono un bicchiere di vino. Cosa fate, lo accettate o desistete? C’è da dire che l’azione che segue questa richiesta rivela molto di voi. La scienza, infatti, pare abbia indagato sui rapporti che intercorrono tra il bere e l’intelligenza. Il risultato? Ebbene, diversi studi scientifici dicono che chi beve un bicchiere di vino al giorno, sia più intelligente. Un bicchiere però, non di più!

La ricerca scientifica

Un recente studio scientifico condotto da un gruppo di esperti finlandesi ha sorpreso il mondo intero, per i risultati emersi, dove, appunto, chi beve di più sembra essere più intelligente. Tale affermazione si riveste di novità in relazione alle tante altre scoperte che invece sottolineano le ripercussioni che troppo alcol può avere sul cervello e sulla memoria, danneggiandone la funzionalità.

Come sono giunti a queste conclusioni gli esperti finlandesi?

Lo studio che ha determinato il binomio alcol-intelligenza, ha visto come protagonisti 3000 fratelli gemelli, dove quelli tra essi che avevano iniziato a bere prima oppure avevano bevuto maggiormente in età adolescenziale, avevano una capacità di apprendimento superiore, con sviluppate abilità nella scrittura, nell’esposizione di un certo argomento e, più d ogni altra cosa, presentavano maggiori abilità da un punto di vista sociale.

Attenzione!

É bene specificare che la scienza non accorda alcuna possibilità di bere oltre la giusta misura, poiché la vera virtù risiede nella moderazione. Dunque, la dose solitamente consigliata dagli esperti in medicina non si spinge mai oltre un paio di bicchieri al giorno (di vino), ritenendoli come favorevoli al buon funzionamento del nostro organismo.

Così, concediamoci un bicchiere di vino al giorno, da bere in compagnia di buoni amici, e faremo due cose gradite: degustare la piacevolezza di questa bevanda e migliorare le facoltà legate al nostro cervello.

 

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi