fbpx

I vini bianchi veneti nelle oasi Allegrini: dal Soave al Lugana

#xtrawinexperience alla scoperta dei vini bianchi veneti con Allegrini

Continua la #xtrawinexperience alla ricerca dei migliori vini bianchi per l’estate. Dopo aver scoperto i prodotti biodinamici di Alois Lageder, la tradizione di Cavit-Altemasi e la passione di Banfi, il viaggio si sposta Veneto, con vini bianchi veneti di Allegrini.

xtraWine ha visitato il Veneto in questo articolo, scoprendone la grande cultura enologica: dal celeberrimo prosecco all’Amarone della Valpolicella, questa regione ha davvero molto da dire sul mondo della produzione del vino.

I vini bianchi veneti sono molto rinomati e su xtraWine si può trovarne una vasta selezione. Oggi scopriamo insieme ad Allegrini due dei vini bianchi veneti più famosi e amati: il Soave e il Lugana.

Soave Oasi San Giacomo, dalla tradizione dei vini bianchi veneti

Il Soave è uno dei vini bianchi del Veneto più antichi: il Soave veniva probabilmente coltivato in questa regione già in epoca preromanica.

Il Soave Oasi San Giacomo è il trionfo dell’uva Garganega, vera ossatura su cui si regge un prodotto “identitario”, ricco di frutto maturo e croccante e con una presenza acida che dona vigore ed imprevedibilità alla beva. Allo Chardonnay, qui presente al 20%, spetta invece il compito, ben riuscito, di valorizzare gli aromi più fini e portare eleganza al palato.

Tutto questo si è reso possibile solo conoscendo da un lato le caratteristiche ambientali dell’oasi San Giacomo, in località di Mezzane di Sotto, altitudine circa 250mt sul livello del mare, esposizione Sud-Ovest, tipologia di terrena calcarea di origine vulcanica, dall’altro lato individuando nella sapienza e nella passione degli Allegrini la mano che ha saputo felicemente misurarsi, dopo le performance valpolicellesi, con la Denominazione del Soave, altro emblema dell’enologia veronese.

Il Soave Oasi San Giacomo, grande con i finger food di pesce e con il semplice pinzimonio, si accompagna alla perfezione con i risotti di sedano e zafferano ma anche con tempura, sushi e sashimi, contaminando con equilibrio le culture enogastronomiche di Oriente e Occidente.

Lugana, l’ultimo vino bianco veneto arrivato in casa Allegrini

Il Lugana Oasi Mantellina è l’ultima sfida della Famiglia Allegrini che qui ha deciso di confrontarsi con una delle denominazioni più interessanti di tutto il Nord d’Italia. I vigneti, piantati a Guyot, si spingono fino al piccolo lago che dà il nome all’Oasi, popolato di specie, di animali rari, incontaminato habitat naturale.

In questo particolare ecosistema le argille si fanno più sabbiose, i rilievi più ondulati e dolci, gli elementi ghiaiosi sempre in buona evidenza.

L’azione mitigatrice del Lago di Garda, vicinissimo al podere, e l’esperienza maturata nel corso degli anni nei grandi terroir valpolicellesi, offrono all’uva Turbiana un’impronta inconfondibile, punto di riferimento per la DOC.

anteprima xtrawine-scopri-ora

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi