Gamberi al Pinot Bianco: ricetta e abbinamento vino

Oggi xtraWine vi propone una ricetta dal profumo di mare, facile e veloce da realizzare: Gamberi al Pinot Bianco.

Forse non tutti sanno che “gambero” è un nome volgare attribuito a varie specie di Crostacei Decapodi appartenenti a raggruppamenti tassonomici diversi, sia di acqua dolce sia marini. In soldoni tutto ciò che assomiglia ad un gambero lo chiamiamo gambero, vediamo come sceglierli al banco.

Come scegliere i gamberi più freschi?

Cercando di non parlare delle singole razze finendo nel tecnico, cerchiamo di scegliere la freschezza quando acquistiamo i gamberi nei banchi di pescheria. Prima di tutto non devono puzzare di ammoniaca, i gamberi sono facilmente deperibili e questo è il primo segno di una cattiva conservazione. Altro segno da osservare sono le macchie scure che possono presentare su testa e corpo, si tratta di melanosi e sono tracce di ossidazione, similari a quelle della frutta tagliata. Non significa siano poco buoni, ma è un’indicazione di quali siano più vecchi.

Potete scegliere anche gamberi surgelati ovviamente, come tutti i prodotti surgelati sono sicuramente meno succulenti ma vi tranquillizzano da ogni possibile malattia veicolata o difetto di conservazione.

Pronti ad iniziare? Continuate a leggere per scoprire anche l’abbinamento perfetto.

Ingredienti:

  • 1200 g di gamberi
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 peperoncino
  • 1 limone (oppure succo)
  • 1/2 litro di vino Pinot Bianco
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale, pepe q.b.

Procedimento:

  1. Lavate accuratamente i gamberi e lasciateli scolare bene.
  2. In un tagliere preparate un trito di prezzemolo e aglio poi cospargetelo con una presa di sale.
  3. Accendete il forno a 220 °C, quindi prendete una pirofila capiente e disponeteci i gamberi in un unico strato e cospargeteli con il trito.
  4. Aggiungete il peperoncino e irrorate il tutto con il Pinot Bianco, il succo di limone e un filo d’olio d’oliva.
  5. Mettete in forno caldo a 200 °C e fate cuocere per 15 minuti.
  6. Una volta trascorso questo tempo servite spolverizzando con una macinata di pepe nero.

Qual è il vino in abbinamento?

Il vino in abbinamento è ovviamente un Pinot bianco, in particolare scegliamo un Pinot Bianco Alto Adige DOC, dagli aromi di buccia di agrumi, susina ed erbe mediterranee, dal sapore sapido e di grande eleganza, di corpo snello, vibrante e dal finale lunghissimo.

Il Pinot Bianco è una mutazione del Pinot Grigio, a sua volta mutazione del Nero, che fu analizzata e individuata per la prima volta solo alla fine del XIX secolo in Francia. Molto diffuso e apprezzato anche in molte regioni italiane, soprattutto in quelle settentrionali, propone in purezza vini dal bouquet molto interessante di frutti e fiori.

Generalmente l’uvaggio omonimo è utilizzato in blend, consigliamo di gustare i Pinot Bianco subito dopo l’acquisto essendo vini delicati e non particolarmente longevi.

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi