fbpx

Dal Perù arriva Pisco un distillato tutto da scoprire

Il Pisco è il primo distillato a essere prodotto nelle Americhe, precisamente in Perù, tra il XVI° e il XVII secolo. In Perù il Pisco viene prodotto distillando il mosto ricavato dall’uva. Numerosi sono i produttori, ma i più autorevoli c’è la Destileria y Hacienda La Caravedo fondata nel 1684.

Un po’ di storia

La parola pisco in lingua Quechua significa “uccello“. I primi ad utilizzare questo termine furono gli Inca utilizzavano per individuare una determinata zona, oggi corrispondente alla zona dove sorge la città e il porto di Pisco, caratterizzato dalla massiccia presenza di questi uccelli.

Per pishos o piscos era una casta di antichi vasai famosa per la creazione di grosse giare in argilla denominate pisco botijas o piscos, in cui inizialmente il distillato veniva fatto riposare.

Nel 1533 il Marchese di Caravantes piantò in Perù (valli intorno a Ica) delle vigne provenienti dalle isole Canarie, che produssero risultati straordinari, tanto che che i produttori spagnoli chiesero ed ottennero che il Re di Spagna vietasse la produzione di vino in Perù: i proprietari peruviani di vitigni per non sprecare l’uva provarono a distillare il mosto, ottenendo il Pisco.

Zone di produzione

In Perù la normativa vigente prevede solo 5 zone dove si può coltivare la vite per produrre il Pisco e cioè Lima, Ica, Arequipa, Moquegua e Tacna. Al di fuori di queste zone l’eventuale distillato prodotto non può utilizzare la denominazione di Pisco.

Uvas pisqueras

Le uvas piqueras sono le utilizzate per la produzione del Pisco e sono in tutto 8 tipi di uva, le loro qualità variano a seconda del clima, del tipo di terreno delle cinque regioni in cui è ammessa la produzione del distillato (costa sud del Perù tra Lima e Tacna verso il confine con il Cile).

Gli 8 tipi di uva sono divise in:

  • uve “aromatiche” perché sprigionano aromi particolarmente intensi: uva Italia, uva Torontel, uva Albilla e uva Moscatel.
  • uve “non aromatiche”, non perché sono privi di aroma ma perché caratterizzate da toni più secchi, tenui ed eleganti: uva Quebranta, uva Negra Criolla, uva Negra Criolla, uva Mollar e Uvina.

Tipi di Pisco

Questo distillato viene prodotto in varie tipologie che si differenziano per processo produttivo, profumo, gusto, intensità.

  • Puro: ottenuto da una singola varietà di uva
  • Acholado: è ottenuto da un blend di uve (due o più tipi di uve) realizzato da un master distiller
  • Mosto Verde: prodotto con mosto distillato a fermentazione volutamente interrotta in anticipo per mantenere un tenore zuccherino più elevato.

Il Pisco è un distillato di vino, ma non appartiene alla famiglia del brandy perché non subisce invecchiamento.

Il Pisco è un distillato versatile che riesce ad adattarsi alle esigenze di qualsiasi barman, anche nella preparazione di cocktail.

Caravedo: uno dei produttori più autorevoli

La Destileria y Hacienda La Caravedo è stata fondata nel 1684 a Ica e anche oggi riesce a distinguersi per le qualità sia delle uve, che per i prodotti. Il suo marchio più celebre è Pisco Portón, marchio che si è fatto riconoscere a livello internazionale e questo grazie a Johnny Schuler (master distiller).

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi