fbpx

Altemasi: DNA Trentino, eleganza autentica

DNA Trentino, eleganza autentica e uno stile inconfondibile: la Cantina Altemasi, inaugurata da Cavit – realtà storica del Trentino – nel 1993 è situata alle porte di Trento. All’interno di una struttura ad elevato livello tecnologico e grande funzionalità, viene prodotta una linea di prestigiosi spumanti realizzati secondo il Metodo Classico con la denominazione Trento DOC. La linea Altemasi racconta tutta l’eccellenza degli spumanti Cavit, frutto di passione e tradizione, espressione della meritata fama del Trentino come territorio ad alta vocazione vinicola e spumantistica.

LA STORIA DI ALTEMASI: PROFONDE RADICI TRENTINE

Altemasi affonda le sue radici nelle colline più alte del Trentino, tra i 450 e i 600 metri s.l.m., dove maturano le uve Chardonnay e Pinot Nero dei vigneti più vocati. Qui le uve sono sottoposte a forti escursioni termiche che determinano e favoriscono il deposito aromatico e, con la maturazione, mantengono un contenuto acido importante, consentendo al vino di affrontare lunghi periodi di affinamento sui lieviti, che per la Riserva Graal e il Pas Dosé superano i 60 mesi. La linea Altemasi è composta da spumanti caratterizzati da uno stile unico, dotati di grande struttura e ricchezza, piacevoli, equilibrati ed eleganti. Dallo storico e pluripremiato Altemasi Riserva Graal, che nasce solo dalle grandi annate, ad Altemasi Millesimato 100% Chardonnay; da Altemasi Pas Dosé con un profumo intenso ad Altemasi Rosé dalle note delicate; fino alla nuova referenza Altemasi Blanc de Noirs, che ha già conquistato i cuori di molti aggiudicandosi importanti riconoscimenti. Autore dell’imprinting trentino di Altemasi è Paolo Turra. Enologo storico della Cantina e figlio d’arte, Turra cerca giorno dopo giorno di sviluppare il perfetto equilibrio di questi spumanti, armonizzando i profumi fruttati e floreali delle uve con quelli speziati derivanti dalla fermentazione di una parte della base in legno e dalla lunga permanenza dei vini sui lieviti.

ALTEMASI, FIORE ALL’OCCHIELLO DI CAVIT

Altemasi è il fiore all’occhiello di Cavit, nome di punta del comparto vitivinicolo italiano. Una realtà esemplare di consorzio di secondo grado, ovvero un consorzio di cooperative situata nel cuore del Trentino. Cavit riunisce undici cantine sociali, collegate ad oltre 5.250 viticoltori distribuiti su tutto il territorio, coprendo così un’area vitata pari a oltre il 60% dell’area vitata del Trentino. Nel corso di più di settant’anni di attività ha sviluppato un’expertise singolare in cui i valori della filiera si legano all’avanguardia tecnologica e alla ricerca scientifica per un approccio al vino che coniuga tradizione, innovazione e rispetto dell’ambiente. Motivo di orgoglio del sistema Cavit è PICA, acronimo di Piattaforma Integrata Cartografica Agriviticola, che rappresenta oggi la più avanzata piattaforma tecnologica in Italia per l’implementazione di una viticoltura intelligente ed eco-sostenibile. Inaugurata nel 2010 da Cavit in collaborazione con due dei migliori centri di ricerca del Trentino, PICA è un progetto ambizioso nato con l’obiettivo di assicurare la migliore gestione e resa delle coltivazioni. Sotto la regia di Andrea Faustini, enologo, coordinatore e responsabile scientifico del team agronomico Cavit, il progetto PICA viene costantemente implementato.

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi