fbpx

Trippa in umido

Avete mai gustato la trippa in umido? Se non lo avete fatto allora è giunto il tempo di provarla, seguendo la ricetta che oggi vi proponiamo. Prima di metterci ai fornelli dobbiamo sapere che la trippa è uno dei piatti più antichi della tradizione ligure, di quelli per i quali i genovesi mostrano maggiore appartenenza. In vico Casana, nei pressi di piazza de Ferrari, esiste una tripperia ultra centenaria in grado di risvegliare da sempre i sapori di questa frattaglia che continua ad essere fortemente apprezzata. Dunque conosciamo gli ingredienti e cimentiamoci nella preparazione.

Ingredienti

  • 1 kg di trippa
  • 100 g di guanciale
  • 100 g di pecorino romano
  • 40 g di sedano
  • 80 g di carote
  • 90 g di cipolle bianche
  • 30 g di olio extravergine d’oliva
  • 400 g di polpa di pomodoro
  • 50 g di vino bianco
  • 3 foglie di menta
  • 1 spicchio di aglio
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

Pronti per iniziare la nostra preparazione? Allora, prendiamo la trippa e puliamola riponendola in una scolapasta e sciacquandola per bene sotto acqua corrente, dopodiché lasciamola scolare. Nel frattempo prepariamo le carote e il sedano sbucciandoli e tagliandoli a cubetti. Ora muniamoci di una casseruola e versiamo al suo interno l’olio extravergine d’oliva insieme a sedano, carota e cipolla, aggiungendo  anche lo spicchio d’aglio sbucciato. Permettiamo agli odori di insaporire il tutto per qualche minuto a fiamma viva e aggiungiamo anche i cubetti di guanciale e infine la trippa.

A questo punto versiamo il vino bianco e lasciamo sfumare completamente, aggiustiamo di sale e di pepe e, infine, aggiungiamo la polpa di pomodoro. Mescoliamo e lasciamo cuocere per 2 ore, senza coprire o aggiungere acqua, poiché la trippa riesce ad emanare i succhi nel tempo della cottura. Dopo la prima ora di cottura possiamo aggiungere le foglioline di menta, mentre dopo due ore di cottura possiamo recuperare lo spicchio d’aglio. Per concludere la preparazione, aggiungiamo il pecorino romano grattugiato a fuoco spento, mantecando con delicatezza per qualche minuto.

Vino e trippa in umido

La trippa è una pietanza dal sapore e dalla consistenza particolare, che si abbina con un Vino Rosso Fermo, di medio corpo. Si accompagna bene anche con un vino Secco.

Per questo secondo sostanzioso consigliamo un Merlot, di un rosso intenso, in grado di regalare da subito sentori di piccoli frutti rossi maturi, spezie nere, pepe e cioccolato. Morbido e caldo al gusto, con tannini vellutati. Di corpo e d’equilibrio.

IN EVIDENZA

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi