Donne del vino, tra barriere e nuove tendenze

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

"Il vino non ha sesso" e anzi, come abbiamo spesso ribadito nel corso delle ultime settimane, le donne del vino sono in continuo aumento, anche se non mancano dei fattori di criticità. Lo rivelano i risultati di un sondaggio dell'Osservatorio "Donne e Vino" della Luiss, con 1200 interviste a consumatrici di vini nel nostro Paese, che è servito a fare il punto su questo binomio. Donne del vino, ancora molte barriere Come sottolinea Donatella Cinelli Colombini, presidente dell'Associazione "Donne del vino", le titolari di aziende vitivinicole rappresentano il 28% del mondo produttivo, e possono vantare nazionale titoli di studio più alti, maggiore propensione alla qualità e alle viticoltura ecosostenibile rispetto alla media nazionale. Ad esempio, producono Doc e Docg nel 68% dei casi rispetto alla media del 38%. Tuttavia, nonostante questi numeri in crescita, che si legano agli aumenti di donne che consumano vino, si continua a segnalare la presenza di barriere, a cominciare da qu Continue Reading

Decanter, lo strumento giusto per i vini affinati

Posted on by | Pubblicato in Degustazione vini
Leave a reply

Si chiama decantazione o caraffatura, ed è una delicata e a volte necessaria operazione che consente di gustare al meglio un vino, generalmente rosso, che ha subito un lungo processo di affinamento. In pratica, consiste semplicemente nel travaso della bevanda dalla bottiglia al decanter, ma ci sono alcune considerazioni e informazioni da non tralasciare, prima di lasciare ossigenare il nostro vino e dargli il giusto tempo (e aria) per sprigionare tutti i suoi profumi dopo un lungo imbottigliamento. A cosa serve il decanter Ovviamente, la prima domanda a cui rispondere è "perché si decanta un vino?": la risposta è duplice, anche se l'effetto è lo stesso, ovvero favorire l'ossigenazione della bevanda. In genere, dunque, il decanter viene usato quando vogliamo gustare un vino rosso maturo, di lungo invecchiamento, che necessita di un passaggio utile sia a ridurre la quantità di anidride carbonica che la presenza di sedimenti che si creano con il passare del tempo, che ne possono c Continue Reading

Vino sostenibile, in Italia è boom

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Solo qualche giorno fa abbiamo provato a descrivere le caratteristiche del "vino vegano", sottolineando come sia sempre più in aumento, in Italia, l'attenzione agli aspetti eco-friendly ed ecosostenibili, anche nei consumi di alcol. E dall'appuntamento con il Wine&Siena, andato in scena lo scorso weekend nella città toscana, arriva un'ulteriore conferma di questo trend, che vede primeggiare il cosiddetto vino sostenibile. Il boom del vino sostenibile Secondo una ricerca condotta dall'Università di Siena, già oggi questo comparto vale un terzo del business complessivo e addirittura è destinato a raggiungerà nel 2020 un valore di 4 miliardi di euro. In particolare, si può definire vino sostenibile quello prodotto da aziende che impiegano energia rinnovabile e contratti di lavoro improntati a responsabilità sociale, cui si accompagna poi il vino bio. Settore in crescita È la professoressa Maria Pia Maraghini, associata di Economia aziendale presso il Dipartimento Studi Az Continue Reading

Starbucks, addio alcolici in caffetteria

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Addio al progetto Evenings di Starbucks che, lanciato nel 2010, prevedeva l'inserimento nei tradizionali menù della catena di spuntini accompagnati da vino e birra. Chi vuole godere della tipica atmosfera della caffetteria americana, senza rinunciare a sorseggiare un bicchiere di vino  un calice di birra, dovrà rivolgersi ai soli store high-end Roastery e Reserve. Starbucks abbandona il progetto Evenings È stato il Seattle Times a rivelare per primo la notizia, poi confermata da altre fonti, e pertanto presto la nota caffè diffusa in tutto il mondo (e pronta a sbarcare anche a Milano) dovrebbe accantonare il progetto avviato proprio nella città americana nel 2010, che consentiva di accompagnare gli spuntini del tardo pomeriggio e della sera con una carta di vini che comprendeva Syrah, Prosecco, Pinot Grigio, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Brachetto, Pinot Noir, Malbec, Chianti e Cabernet Sauvignon. Dallo store di Seattle, poi, l'iniziativa si è estesa a oltre 400 caffetterie Continue Reading

Nel weekend del vino spicca Siena

Posted on by | Pubblicato in Eventi Enogastronomici
Leave a reply

È di nuovo sabato, e puntuale torna anche il nostro appuntamento con le principali manifestazioni e i grandi eventi dedicati al vino in giro per l'Italia. Questo weekend prende vita soprattutto la kermesse "Wine&Siena", che animerà il centro storico della città toscana con circa 200 produttori da tutto lo Stivale. Wine&Siena, evento di rilievo E allora, guardiamo più nel dettaglio il programma di questa manifestazione, cui come detto prenderanno parte oltre 200 produttori selezionati da tutta Italia tra i vincitori degli annuali Merano WineAward, con gli appassionati che potranno degustare un calice di vino di qualità mentre ammirano le bellezze della città toscana. L’obiettivo, come rivelato dal Wine Hunter Helmut Kocher, "è quello di far diventare Siena la città del vino dell’Italia come lo è Bordeaux per la Francia”. In programma fino a domenica 22 gennaio, l’ingresso all'evento costa 40 euro (mezza giornata 25 euro), dalle 10 del mattino fino alle 19, e p Continue Reading

GB, nome in arrivo per le bollicine locali?

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Dopo anni di dibattiti e diatribe, iniziate addirittura mezzo secolo fa, finalmente sembra esserci un accordo trasversale per la denominazione da attribuire ai finora anonimi vini britannici con bollicine: se, infatti, in Francia tutti riconoscono lo Champagne, in Spagna c'è la Cava e in Italia ci fregiamo di spumante e soprattutto Prosecco, per i prodotti made in Britain manca una denominazione ufficiale. Il nome delle bollicine britanniche Nonostante l'atto ufficiale arrivato sul finire del 2016, quando il Defra (Department for Environment, Food and Rural Affairs), il Dipartimento dell'Ambiente britannico, ha riconosciuto alle produzioni di vino sparkling del Sussex lo status di "regioni protette", aprendo la strada a una futura (e probabile) denominazione anche a livello europeo, queste produzioni non hanno ancora un nome ufficiale. E quindi, i produttori del vino del Sussex devono rispettare rigorosi standard di produzione, al fine di essere in grado di far comparire il nom Continue Reading

Vino, ecco i prodotti e i mercati più interessanti nel 2017

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Bollicine e mercati emergenti: è questo il binomio su cui si muoverà l’export di vino italiano nel 2017, stando alle previsioni di Giacomo Acciai, socio di Iron3, società attiva proprio nella promozione dei prodotti delle vigne italiane all’estero. Intervistato dal portale BiMag, l’analista ha provato a tracciare cosa attende il comparto nell’immediato futuro. Vino italiano in crescita La prima considerazione generale è che, nella scia positiva dell’anno scorso, anche il 2017 sarà positivo e di crescita per i vini italiani all’estero, trainati in modo particolare dalle bollicine e dal Prosecco, che continua a essere il prodotto di punta della nostra enologia. Secondo Acciai, però, “per i vini fermi è prevedibile una leggera flessione in alcuni mercati europei, controbilanciata da un’apertura e da un incremento nei mercati dei Paesi terzi: questo sarà possibile grazie agli accordi per il libero scambio che sono attualmente in fase di negoziazione e di definizio Continue Reading

Si diffonde anche in Italia il diritto di tappo

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Fino a qualche anno era una pratica poco gradita e sconsigliata, ma a guardare le ultime notizie pubblicate anche sul Corriere della Sera sono in aumento in tutta Italia i locali che iniziano ad accettarla: oggi parliamo del diritto di tappo, ovvero della possibilità per i clienti di poter consumare al ristorante una bottiglia di vino acquistata altrove e portata da casa, in cambio del pagamento al ristoratore di una somma per i servizi messi a disposizione. Cos’è il diritto di tappo Come molte delle tendenze attuali in fatto di vino, anche il diritto di tappo nasce all’estero, e per la precisione nei mercati anglosassoni; in lingua inglese, infatti, si definisce corkage fee ma è già da tempo presente anche l’espressione BYOB, acronimo dal doppio significato: può infatti far riferimento sia al “bring your own booze”, ovvero “porta i tuoi alcolici”, sia al più formale “bring your own bottle”, vale a dire semplicemente "porta la tua bottiglia". E in America sono Continue Reading

Carni e non solo: ecco gli abbinamenti per il vino Syrah

Posted on by | Pubblicato in Abbinamento cibo-vino
Leave a reply

La scorsa settimana abbiamo dedicato un approfondimento, dalle pagine del nostro blog sul vino, al prezioso vitigno Syrah (o Shiraz), che genera un’uva nobile dalle caratteristiche elevate e riconosciute in tutto il mondo. Oggi, invece, badiamo più al sodo e trattiamo direttamente l’argomento abbinamenti per il vino Syrah, cercando di capire insieme in che modo raggiungere il giusto equilibrio tra la bevanda e le portate servite in tavola. Abbinamenti per il vino Syrah, con sapori forti Ed entriamo subito nel vivo della nostra panoramica su questa gamma di vini internazionali: il vitigno, infatti, è tra le dieci varietà più coltivate nel mondo, e si localizza anche a latitudini completamente differenti, come la Francia provenzale, l’Australia o la Sicilia. In generale, si può dire che i vini Syrah sono dotati di una grande versatilità per gli abbinamenti, che si declinano diversamente a seconda della sua provenienza e al suo livello affinamento, pur mantenendo una caratte Continue Reading

Export di vino, dal Mipaf via ai contributi per il sostegno

Posted on by | Pubblicato in LifeStory
Leave a reply

Che l'ambito di export di vino italiano sia particolarmente dinamico e importante per la nostra economia ne abbiamo parlato spesso, nelle ultime settimane; soltanto a fine dicembre, ad esempio, il Wine Monitor del Nomisma aveva certificato l’incremento delle esportazioni verso Usa e Gb, mentre poi la Coldiretti aveva studiato anche l’impatto sui mercati comunitari. Ebbene, grazie all’intervento del Ministero delle Politiche Agricole ci potrebbe essere una ulteriore spinta al comparto. Contributi export di vino Il Mipaf infatti ha pubblicato un nuovo bando, finanziato a valere sui fondi di quota nazionale e destinato al sostegno all’export di vino nei Paesi Extra Ue, in cui si identificano i soggetti beneficiari e i prodotti oggetto di promozione per la prossima annualità 2016/2017. Le richieste e la documentazione vanno inviate allo stesso dicastero entro la scadenza delle ore 13 del prossimo 30 gennaio. Cosa prevede il bando su export di vino Come si legge nel bando, il p Continue Reading

  • xtrawine-blog-home-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1