Fratelli d’Italia: Vini, formaggi e come abbinarli

Posted on by

Spesso il formaggio è proposto dopo il secondo piatto, e se accade questo con un secondo piatto strutturato servito in abbinamento con un vino complesso ed evoluto, è bene proseguire con un formaggio che si addica allo stesso vino o, se si vuole cambiare, richiedere un vino ancora più importante.

Grassezza, succulenza, tendenza acida e dolce, magari mascherata dalla grande sapidità, tendenza amarognola, aromaticità, intensità e persistenza sono tutte sensazioni gusto-olfattive che, nei formaggi, si possono esprimere su elevati livelli di percettibilità. Il vino in abbinamento si deve adattare a tutte queste esigenze.

Vini, formaggi e come abbinarli

  • Formaggi a pasta molle con delicati aromi di latte, a volte tendenti all’acido, come ad esempio fiordilatte crescenza, quartirolo lombardo o primo sale, robiole mordine e non stagionate, tomini, squacquerone, si possono abbinare con vini bianchi freschi, delicatamente morbidi e sapidi, anche vivacizzati da qualche bollicina, come Chardonnay o Pinot bianco, Roero Arneis, Locorotondo o Ischia Bianco. Vini che si adattano anche ad accompagnare la mozzarella di bufala campana, gustata al naturale o in insalata caprese con pomodori e basilico, spruzzata con un po’ di origano e qualche goccia di olio extra vergine di oliva, o su una pizza saporita, uno dei simboli della solare cucina mediterranea.

 

  • Formaggi a media maturazione e in genere a pasta semidura, come caciocavallo e provolone, fontina e vari pecorini, come il sardo, il toscano e l’umbro, asiago, emmental, possono essere proposti con vini bianchi e con un ottimo spessore gusto-olfattivo, come una Vernaccia di San Gimignano, un Collio Sauvignon o un Mesault, vini bianchi che possono esaltare anche le doti della scamorza e provolone affumicati. Ottime alternative per l’ampia gamma dei formaggi a media stagionatura possono essre vini rossi di discreta evoluzione, sempre morbidi e caldi, ma con tannino levigato e mai aggressivo, come un Oltrepò Pavese Pinot nero o un Lison-Pramaggiore Merlot.

 

  • Grandi soddisfazioni e abbinamenti intriganti si ottengono con i formaggi stagionati. Una maturazione di alcuni mesi regala al formaggio aromi più intensi, maggiori sapidità e aromaticità e una persistenza gusto-olfattiva più importante, che richiedono doti di grande struttura anche nel vino.

 

  • Fontina, bra, raschera, toma piemontese, bitto, monte veronese, formaggio di fossa, pecorino romano e toscano, canestrato pugliese e fiore sardo, grana padano e trentingrana, richiedono in genere vini rossi di corpo, con alcuni anni di maturazione in botte e poi in bottiglia, caldi e morbidi, sapidi e persistenti.

 

 

Tutti i formaggi di grande struttura citati riescono a esprimersi al meglio con vini rossi come Valle d’Aosta Petit Rouge, Barbera e Dolcetto d’Alba Valtellina Superiore, Alto Adige Cabernet Sauvignon e Lagrein, Colli di Conegliano Rosso e Sangiovese di Romagna, fino ad arrivare, per quelli stagionati molti anni, all’Amarone della Valpolicella e allo Sfursat di Valtellina, ad alcuni Rioja, Priorat e Cornas.

Un mondo a parte è quello dei formaggi erborinati, con profimi e aromi penetranti, forte aromaticità e sapidità, tendenza amarognola e lunghissima persistenza gusto-olfattiva. Formaggi come il gorgonzola non sono semplici da abbinare: rossi di grande struttura e complessità come il Barolo, Amarone della Valpolicella, Brunello di Montalcino e Côte du Rossillon, possono valorizzare la personalità, almeno finchè la tendenza amarognola svolge un ruolo comprimario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1