Ci lascia Sandro Rinaldi, pittore, comunicatore nel mondo del vino

Posted on by

E’ triste la notizia che annuncia la morte di Sandro Rinaldi, comunicatore del mondo del vino. Firenze saluta uno dei suoi figli, pittore umbro Doc, lasciando in chiunque l’abbia conosciuto un dolce ricordo. Pittore, illustratore e impeccabile comunicatore, Sandro è emerso sin dagli albori della sua carriera per il fervente impegno in essa impiegato, in special modo nel mondo del vino e dell’olio.

In seguito al degenerarsi di una malattia, un tumore piuttosto raro che lo aveva attaccato lo scorso dicembre, l’abile comunicatore non ce l’ha fatta. Amici e parenti saluteranno il suo copro a Terni, sua città natale, dove probabilmente si terranno i funerali.

I suoi ultimi anni di vita li aveva spesi a Roma, in una casa che rappresentava per lui un forte legame affettivo e che vedeva l’accoglienza di personalità rilevanti nell’ambito del settore agroalimentare per condividere le eccellenze del vino e dell’olio italiani, toscani e umbri in particolare. 

Agli sgoccioli dei suoi giorni, aveva poi deciso di trasferirsi a Parigi insieme alla moglie, consolidando la sua passione per le cartoline d’autore, che gli permettevano di prender parte a mostre e rassegne di alto livello. 

La personalità

Alla fine dei giorni la testimonianza più viva della vita di ciascuno risiede nei volti di chi resta. Oggi, infatti, è tanta la riconoscenza che emerge da amici e parenti verso una personalità che in maniera discreta e delicata ha raccontato e condiviso le qualità e le eccellenze di Bolgheri

Di un cittadino del mondo, collezionista di giocattoli, piccoli arredi e artigianato, curioso e attento alla bellezza e ai particolari, s’intuiva una gran sete di conoscenza che poi sfociava nella creazione di speciali cartoline.

In questa prospettiva l’altro non era escluso. La gente costituiva per Sandro il miglior campo d’indagine e la più grande ispirazione, tanto da condurlo al desiderio di sostenere nuove figure professionali come blogger o influencer professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *