Abbinamento vino e riso al curry

Posted on by

Chiunque abbia girovagato presso le vie asiatiche ha potuto scorgere colori e profumi indimenticabili. Il mix di spezie, che avvolge corpo e anima dei passanti, continua a riecheggiare anche al ritorno dal viaggio, lì dove un semplice pensiero riconduce a quella terra. Peperoncino, coriandolo, zenzero, zafferano, chiodi di garofano, pepe, cardamomo e noce moscata. Queste sono solo alcune delle spezie onnipresenti nella variegata cucina dell’India meridionale, praticamente gli ingredienti utili per la realizzazione del curry. Oggi, infatti, scopriamo la ricetta del riso al curry. A partire da  riso tipo basmati, curry, burro, cipolla e brodo viene fuori un piatto estremamente semplice nella realizzazione, gustoso e dal sapore unico.

Il curry

Si tratta di una miscela di spezie, in polvere o in pasta, originariamente dalla consistenza liquida, perché era utile ai contadini nel condimento del riso, dei cereali e del pane soffice tipico del posto, il chapati.
Cosa diversa si verificava per i ricchi che lo utilizzavano diversamente, rendendolo protagonista di differenti varianti, iniziando col liquido per poi giungere a quello in polvere.
Il curry generalmente veniva utilizzato per confezionare le salse che servivano per condire e insaporire le pietanze, più di tutte quelle a base di cereali. Oggi il curry è frequentemente abbinato a risotti, germogli di soia, pesce, pollo.

Gli ingrediente

  • 250 g di riso basmati
  • 1 cucchiaino colmo di curry
  • 60 g di burro
  • 1 grossa cipolla affettata sottilmente
  • ½ l di brodo bollente di carne

La preparazione

Iniziamo la nostra preparazione del riso al curry prendendo la cipolla che mondiamo, laviamo e affettiamo sottilmente.
Subito dopo facciamola soffriggere con 30 g di burro all’interno di una casseruola che può essere messa anche in forno, fino a quando non raggiunga la trasparenza.
A questo punto bisogna versare il riso e farlo rosolare a fuoco vivace mescolandolo continuamente con un cucchiaio di legno. Alla sua perfetta rosolatura, aggiungiamo il curry e mescoliamo bene il tutto.

Siamo pronti per versare il brodo bollente, portando il tutto ad ebollizione, per poi mettere il coperchio sopra la casseruola e passarla in forno a 175° per 20 minuti.
Concluso il tempo necessario, prendiamo il recipiente dal forno, aggiungiamo al riso al curry il burro rimanente. Per finire sgraniamo il riso con una forchetta e serviamo la pietanza.

Il vino

L’abbinamento del vino ad una miscela di spezie dal carattere così deciso, non è scontato. Oltre alle specificità del vino bisogna tener presente anche quanto sia piccante il curry, perché ad esempio, nella sua varietà più piccante il curry si adatta a vini fruttati piuttosto che a vini invecchiati in botte.

La scelta giusta prevede un vino giovane povero di tannini, leggermente dolce, poiché  capace di perdere un po’ della dolcezza grazie alla forza della spezia che rinfresca il palato.

Se il curry è poco piccante i vini migliori da abbinare sono gli Chardonnay o in generale i bianchi fruttati. Se piccante e speziato si associa ad un Riesling la cui dolcezza dona un armonico equilibrio nei sapori che la spezia presenta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *