Luigi Sarno vince il premio Giulio Gambelli

Posted on by

Il Premio Giulio Gambelli 2018, istituito nel 2012 da ASET (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) ed IGP (blog network  “I Giovani Promettenti”), ha un nuovo vincitore: Luigi Sarno, enologo e titolare della Cantina del Barone di Cesinali (AV). Sarno si aggiudica il premio per miglior enologo under 40 che, mediante il proprio lavoro, meglio rappresenta quello speciale ideale di vino che il grande Giulio Gambelli ha sempre testimoniato, tramite il caratteristico Sangiovese che esalta il valore dei vitigni, del territorio e del vino.

Il vincitore, Sarno, nasce in Campania nel 1983 e inizia il suo lavoro di enologo nel 2008. Oggi i suoi vini lo conducono alla vittoria su tanti altri candidati italiani, vini di spessore e carattere, perfettamente compatibili con quanto ricercato nello stile che il Premio Gambelli ritiene importante riconoscere ed evidenziare, giudicati da un’apposita giuria di giornalisti ASET ed IGP.

Durante l’anteprima vinicola organizzata dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, alla presenza del presidente del Consorzio Piero Di Betto, Luigi Sarno riceve il premio esprimendo l’immensa gioia che ne deriva. Sarno parla della grandezza di questo riconoscimento, esprimendo in tutta sincerità quanto sia solito vivere il lavoro con l’umiltà di chi conserva le proprie radici pur aprendosi alle innovazioni del futuro. Ricerca di coerenza, interpretazione degli sviluppi stagionali in virtù di un prodotto equilibrato in complessità e gusto, rappresentazione della terra originaria, privazione di aggiunte invasive: queste le carte vincenti dei vini di Sarno.

I premi che il vincitore porta a casa sono: una targa ricordo e un assegno da 1500 euro, possibile grazie al contributo di alcune delle aziende di cui Giulio Gambelli è stato amico e consulente: Bibbiano, Fattoria Rodàno, Il Colle, Montevertine, Ormanni e Poggio di Sotto. Restano partner del premio il Consorzio Vino Chianti Classico, il Consorzio Vino Nobile di Montepulciano, il Consorzio Vino Brunello di Montalcino e il Consorzio della Denominazione di San Gimignano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *