Una conferma per il vino Trento Doc, Enrico Zanoni

Posted on by

Alla presidenza dell’Istituto Trento Doc, l’assemblea degli associati all’istituto stesso elegge e conferma Enrico Zanoni mediante un mandato della durata di tre anni.

Cos’è il Trentodoc?

Ricordiamo che il Trentodoc rappresenta ciò che di più immediato può descrivere una  terra di produzione, il Trentino. Si tratta di un vino speciale, il cui segreto, oltre alle radici territoriali, si rintraccia nel metodo di produzione definito classico. La sua storia inizia con la presenza di Giulio Ferrari, appassionato enologo dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, in seguito riferimento nel mondo dei vini su scala internazionale.

Lo statuto

In linea con le direttive del nuovo statuto, emerge un cambiamento numerico dei consiglieri che da 8 divengono 9. Tra i consiglieri in carica, troviamo la riconferma di: Carlo Moser (vicepresidente), Lucia Letrari, Matteo Lunelli, Fabio Maccari e Andrea Pisoni. Le nuove proposte in vece sono: Massimo Benetello, in rappresentanza di Cesarini Sforza, Roberta Giuriali di Maso Martis e Federico Simoni per Cantine Monfort.

Luciano Lunelli non ripropone la propria candidatura, con la consapevolezza dell’assemblea, dell’ottimo servizio svolto dal candidato durante il proprio mandato.

La conferma

Enrico Zanoni esprime la gioia e il ringraziamento per la fiducia che sente essere consegnata al consiglio e alla sua persona. Con la medesima enfasi racconta la crescita costante del comparto Trentodoc, sia in relazione all’aspetto delle vendite che in relazione al numero di associati. Spiega Zanoni che tante sono le sfide da incontrare e da affrontare negli anni che verranno, ma la certezza di affrontarle con la complicità di un gruppo di produttori compatto ed efficiente e un vino, il Trentodoc, animato e vivo per la forza distintiva che la sua territorialità sprigiona, dona grande stimolo e motivazione.

Dunque, ci si prepara ad un potenziamento delle attività previste in Italia, con azioni continue negli USA, mediante il progetto OCM.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *