Abbinamento vino e frittura all’italiana

Posted on by

Cosa cuciniamo

Da servire come sfizioso antipasto, come secondo nutriente oppure come contorno appetitoso, quella della frittura all’italiana è una scelta fatta non solo da italiani ma anche da turisti stranieri, desiderosi di scoprire la meravigliosa e sorprendente cucina tradizionale.Tuttavia c’è da precisare che esistono variazioni di fritture in relazione alla specificità di alcune regioni d’Italia, i più conosciuti: sono il fritto piemontese, il bolognese, il romano e il napoletano. Ciascuno di essi comporta l’utilizzo di ingredienti specifici come carni o verdure. Oggi vi proponiamo una frittura che possa abbracciare un po’ tutte le regioni, grazie all’utilizzo di vari ingredienti. Scopriamoli.

Ingredienti

  • 800g di vitello
  • 4 costolette di agnello
  • 200g di salsiccia
  • 1 melanzana
  • 2 zucchine
  • 2 carciofi
  • 200g di pangrattato
  • olio extra vergine di oliva
  • 100g di semolino
  • 50g di zucchero
  • 500ml di latte
  • 6 amaretti
  • 4 uova
  • 1 tuorlo
  • sale q.b.

Preparazione

Iniziamo la nostra preparazione occupandoci della carne, a partire dalle salsicce: priviamole della pelle e tagliamole a pezzetti, poi lavoriamo le costolette di agnello appiattendole con il batticarne. Laviamo le frattaglie con cura, togliamone pellicine e filamenti e tagliamole a pezzi. Ora passiamo alla verdura, puliamola, tagliamola a fette e asciughiamola. Gli amaretti bagniamoli nel latte per poi scolarli. Adesso prendiamo una casseruola e mettiamo al suo interno del latte che faremo bollire con lo zucchero, aggiungendo del semolino a pioggia. Mescoliamo delicatamente il tutto per circa 15 minuti, poi togliamo dal fuoco, uniamo un tuorlo e mescoliamo. A questo punto stendiamo il composto su un piano e rendiamo il suo spessore di circa 1 cm. Facciamolo raffreddare e ritagliamolo in 6 dischi per i quali utilizziamo un bicchiere.

É giunto il momento di prendere una ciotola per inserire al suo interno le uova che sbattiamo e che utilizziamo per intingere tutte le verdure e le carni accuratamente tagliuzzate. Immergiamo nella ciotola prima le verdure, poi la carne, gli amaretti e alla fine i dischi di semolino. Dopo le uova, passiamo tutti gli ingredienti per il pangrattato, facendo una leggere pressione in maniera da farlo aderire. Compiuti tutti i passaggi, prediamo una pentola con dell’olio, posizioniamola sul fuoco e attendiamo che si faccia bollente per poter finalmente friggere. Una volta pronti i fritti posizioniamoli su della carta assorbente da cucina e condiamo il tutto con del sale, eccetto le frittelle di semolino e gli amaretti.

Vino e frittura

Per la nostra ricca frittura all’italiana abbiamo la necessità di abbinare un vino che si sposi bene con la varietà di ingredienti utilizzati.

Abbiniamo, quindi, un vino bianco fermo e leggero, fortemente versatile ed eclettico negli abbinamenti gastronomici: un Custoza Doc,  vino fresco, scorrevole e piacevolmente profumato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1