Come servire il rum

Posted on by

Il rum non e’ altro che un liquore che viene distillato dal succo della canna da zucchero. Il processo di invecchiamento avviene mediante botti in acciaio, quercia o quercia trattata con il fuoco. In base a dove viene ubicato il distillato e in base al processo di invecchiamento, si origineranno rum chiari, rum scuri e rum dorati.

Forse non tutti lo sanno, ma il rum e’ un liquore molto versatile, il che vuol dire che può essere servito in diversi modi. Per alcuni il rum va bevuto puro, per altri con ghiaccio e per altri ancora e’ imprescindibile come base di un buon cocktail.

Sono tutti degli ottimi modi per berlo, ma non tutti i rum si bevono alla stessa maniera. Ecco qui di seguito qualche utile suggerimento per bere un buon rum e degustarlo in tutta la sua prelibatezza.

Rum bianco

Molti preferiscono il rum bianco perche’ grazie al suo sapore neutro si miscela molto bene con i succhi di frutta o altre bevande. Generalmente questo distillato viene utilizzato come base per realizzare dei buonissimi cocktail, ma nulla vieta di berlo assoluto o con ghiaccio.

Un esempio di cocktail che si può preparare con il rum bianco e’ il famoso Mojito. Per realizzare questo drink rinfrescante occorreranno pochi ingredienti, ma tutti indispensabili per la buona riuscita dello stesso: rum bianco naturalmente, foglie di menta, acqua frizzante, lime e zucchero. 

Sul fondo di un bicchiere aggiungere le foglie di menta e spicchi di lime. Pestarli per qualche minuto in maniera tale da far sprigionare tutti i loro aromi dopodiche’ aggiungere il ghiaccio e 60 ml di rum chiaro. A questo punto riempire il bicchiere con acqua frizzante. Aggiungere lo zucchero. La quantità dipende dal proprio gusto.

Rum ambrato

Questo distillato ha un sapore molto più forte rispetto a quello chiaro, ragion per cui consigliamo di utilizzarlo per preparare dei cocktail. Naturalmente per poter preservare il sapore occorre utilizzare pochi ingredienti. Ad esempio il Cubalibre e’ un ottimo cocktail da preparare con il rum ambrato. Tre sono gli ingredienti che in questo caso occorrono: rum, cola e lime.

Per la preparazione: spremere il lime e filtrarlo. Nel bicchiere aggiungere il ghiaccio, il succo di lime e il rum. Completare il tutto con la cola. Per la guarnizione, aggiungere qualche fetta di lime sul bordo del bicchiere.

Rum scuro

Questo distillato possiede un colore scuro per il semplice fatto che viene invecchiato più a lungo in botti di rovere. E’ sicuramente il rum più gustoso. In questo caso il nostro consiglio e’ di berlo puro, con ghiaccio o accompagnato con qualche goccia di limone.

Rum speziati o fruttati

Questa tipologia di rum va bevuta non pura ma e’ bene miscelarla con altre bevande al fine di realizzare un buon cocktail. Alcuni hanno sapori molto pronunciati, pertanto berli puri o con ghiaccio non e’ una buona soluzione.

Un piccolo consiglio: evitare di acquistare rum economici, perche’ molte volte i produttori tendono ad introdurre dei coloranti all’interno delle bottiglie in maniera tale da far pensare che il rum sia invecchiato da tanto tempo, quando in realtà e’ molto giovane.

Rum premium, super premium, ultra premium

Questi rum vanno bevuti puri o con ghiaccio. Un distillato di tale qualità ha avuto un invecchiamento speciale così come la sua preparazione. Moltissimi sono i sapori che si possono avvertire, tra cui il legno naturalmente, insieme ad altri ingredienti degni di nota.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1