Abbinamento vino e struffoli

Posted on by

Oggi parliamo di un dolce napoletano davvero molto squisito, si tratta degli struffoli. Ormai il Natale e’ alle porte e molte persone si cimentano, come da tradizione a realizzare questo tipico dolce napoletano. Per chi non sapesse cosa siano gli struffoli, sono delle palline di pasta dolce, fritte e poi immerse nel miele e decorate a loro volta con confettini colorati o frutta candita.

Sebbene sia una preparazione molto apprezzata e conosciuta, gli struffoli sono largamente diffusi nell’Italia meridionale, dove ne esistono di diverse versioni. Ogni regione infatti, ha una propria versione degli struffoli, tuttavia ognuna di esse si avvicina alla ricetta originale napoletana.

Ma vediamo quali sono gli ingredienti che ci occorrono in questo caso

Ingredienti

  • 400 gr di farina
  • 40 gr di zucchero
  • 60 gr di burro da fondere
  • 3 uova
  • 1 scorza d’arancia
  • 1 tuorlo
  • 15 gr di liquore all’anice
  • 1 pizzico di sale fino

Per la copertura

  • codette colorate q.b.
  • 175 gr di miele
  • 30 gr di arancia candita
  • 30 gr di cedro candito
  • ciliegie candite q.b.

Per friggere

  • olio di semi di arachide

Preparazione

Per preparare i nostri struffoli iniziamo con sciogliere il burro, e una volta pronto lasciarlo raffreddare. In una ciotola versare la farina,lo zucchero, le uova, un pizzico di sale, il burro fuso ormai freddo, la scorza di un’arancia e il liquore all’anice.

Iniziare ad impastare il tutto con le mani. Il panetto che si otterrà dovrà essere liscio ed omogeneo. Coprirlo con un canovaccio pulito e lasciarlo riposare a temperatura ambiente per almeno mezz’ora. Trascorso questo lasso di tempo, riprenderlo nuovamente e dividere il panetto in 7 parti uguali, dopodiche’ con ciascun pezzo creare dei bastoncini e in seguito ricavare delle piccole palline.

Disporli in un telo senza sovrapporli. In una pentola ben capiente versare l’olio di semi e una volta raggiunta la temperatura, 180°, friggere gli struffoli. Occorreranno circa 2 o 3 minuti al massimo prima che si ottenga una cottura uniforme. Con l’aiuto di una schiumarola toglierli dall’olio, attendere qualche secondo in modo che l’olio in eccesso venga eliminato, e successivamente riporli in un vassoio con della carta assorbente.

Procedere in questo modo fino all’esaurimento degli ingredienti. Fare raffreddare gli struffoli. Intanto sciogliere il miele a fuoco basso e quando quest’ultimo si sarà sciolto accorpare gli struffoli. A questo punto mescolare delicatamente per amalgamare tutti quanti gli ingredienti. Aggiungere altresì le codette, e la frutta candita.

Disporre gli struffoli in un vassoio con la forma desiderata. a questo punto il dolce e’ pronto per essere deliziato in tutta la sua bontà.

Struffoli e vino: quale abbinamento prediligere?

E ora, cari lettori, quale miglior accostamento si può fare con questo dolce napoletano? Sicuramente un Moscato d’Asti può fare la differenza. Di colore giallo paglierino più o meno intenso, al naso si presenta caratteristico e fragrante, mentre in bocca lascia un sapore aromatico, dolce, talvolta anche vivace.

Moscadello di Montalcino

In alternativa si può optare anche per un altro vino, come ad esempio il Moscadello di Montalcino. Oggi questo vino e’ molto apprezzato per via delle sue caratteristiche organolettiche. Alla vista si presenta giallo paglierino, al naso si avverte l’aroma di moscato equilibrato e fresco, mentre in bocca e’ piacevolmente appagato dal dolce.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1