Abbinamento vino e baccalà al pomodoro

Posted on by

Oggi parleremo di un’altra ricetta alquanto sfiziosa, ovvero il baccalà al pomodoro. E’ una pietanza che piace a tutti, perfino ai più piccoli. Per poterla preparare a dovere bisogna solamente stare attenti a qualche piccolo accorgimento, ma una volta realizzata di sicuro vi leccherete i baffi.

Moltissime sono le ricette dedicate al baccalà, e addentrarsi dunque in questa esplorazione gastronomica e’ un’avvincente sfida che riesce a toccare ogni sorta di tradizione fino ad arrivare ai giorni nostri.

Ma vediamo subito quali sono gli ingredienti che ci occorrono per poter preparare il baccalà al pomodoro

Ingredienti

  • 600 gr di baccalà dissalato
  • 250 gr di patate
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 40 gr di vino bianco
  • 100 gr di farina 00
  • 1 cipolla dorata
  • 800 gr di pomodori pelati

Preparazione

La prima cosa che bisogna fare e’ preparare il sugo: prendete una padella, aggiungete un filo d’olio e la cipolla tagliata a fette sottili. Fatela soffriggere a fiamma dolce per qualche minuto e in seguito aggiungete altresì i pelati. Coprite il tutto con il coperchio e lasciate cucinare per 20 minuti.

Intanto prendete il baccalà dissalato, provvedete a tagliarlo a fette. Ogni fetta dovrà essere infarinata e poi rosolata in un’altra padella con l’aggiunta di un filo d’olio. Salate e pepate. Dopodiche’ sfumate il tutto con il vino bianco.

Quando il sugo sarà giunto a cottura versatelo nella padella contenente il baccalà. Lasciate cuocere a fuoco moderato per altri 45 minuti. Per dare un sapore ancora più deciso aggiungete le patate precedentemente pelate e tagliate a cubetti.

A questo punto proseguite la cottura per altri 45 minuti. Lavate e tritate un ciuffo di prezzemolo. Quando il baccalà sarà cotto aromatizzate il tutto e servite la pietanza ancora ben calda.

Un piccolo consiglio: per rendere ancora più saporito il sugo potete aggiungere altresì le olive nere. Ed infine un’altra piccola accortezza: non conservate il baccalà al pomodoro per più di due giorni in frigo. 

Baccalà al pomodoro e vino: quale abbinamento da fare?

Scegliere il vino da abbinare in questo caso, non e’ per niente facile perche’ siamo di fronte ad una pietanza alquanto complessa. Tuttavia il baccalà richiede l’accostamento con un vino che non sovrasti il suo sapore caratteristico e deciso.

Quindi a tal proposito potete optare per vini bianchi piuttosto complessi oppure in alternativa scegliete quelli rossi, in  particolar modo prediligere i vini rossi giovani e poco tannici.

Nel primo caso risulta eccellente il vino Soave o il Terlano, mentre nel secondo caso il Gamay tipico della Valle d’Aosta potrebbe rivelarsi la soluzione perfetta.

Gamay caratteristiche organolettiche

Il vino Gamay per poter essere apprezzato al meglio necessita di un periodo di affinamento pari a 6 mesi. Tra le sue caratteristiche organolettiche, questo vino può vantare un colore rosso rubino caratterizzato a sua volta da sfumatura violacee.

All’assaggio il Gimay fin da subito si fa riconoscere per la sua acidità. Il suo contenuto in tannini e’ piuttosto ridotto e di conseguenza la struttura di questo vino non raggiunge mai livelli elevati.

E voi quale vino vi piacerebbe accostare al baccalà al pomodoro?

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da Franz . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *