Abbinamento vino e gricia

Posted on by

Forse non tutti sanno cos’è la gricia. Si tratta di un condimento che viene preparato per metterlo sulla pasta. Questa ricetta è stata inventata dai mandriani di Amatrice. La gricia dunque, era il pasto principale dei pastori che consisteva in pezzi di pecorino, strutto, sacchette di pepe nero, pasta essiccata e guanciale.

Oggi parleremo della pasta alla gricia, un piatto tipico laziale, molto gustoso e saporito. 

Qual è la differenza tra la pasta all’amatriciana e la pasta alla gricia?

In comune con la pasta all’amatriciana c’è l’impiego del guanciale, del pepe nero, e del pecorino romano, mentre manca nella pasta alla gricia il pomodoro. Per poter preparare questo piatto occorrono pochi ingredienti, e la sua realizzazione è davvero molto semplice. Ma vediamo dapprima quali sono gli ingredienti che ci servono per preparare questa pietanza

Ingredienti

  • 320 gr di rigatoni
  • 55 gr di pecorino romano grattugiato
  • 250 gr di guanciale
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.

Preparazione

La prima cosa che bisogna fare è quella di prendere una pentola e aggiungere abbondante acqua salata. Una volta portata a bollore aggiungere i rigatoni. Nel frattempo che si cuociono, prepariamo la nostra gricia. 

Partiamo dal guanciale. Bisogna eliminare la cotenna e una volta terminata questa operazione tagliare il guanciale a fette non troppo sottili. In una padella versate l’olio e in seguito mettete il guanciale. Esso deve diventare trasparente e una volta che ha perso il suo grasso aggiungere un mestolo di acqua di cottura. Lasciate cucinare per qualche altro minuto e in seguito spegnete la fiamma.

Quando i rigatoni sono giunti a cottura, scolateli e versateli nella padella antiaderente. Mantecate per qualche minuto e poi aggiungete una bella manciata di pepe nero. Aquesto punto, impiattate e spolverizzate la pasta con il pecorino grattugiato. La vostra pasta alla gricia è pronta!

Quale vino abbinare alla pasta alla gricia?

La sapidità del pecorino e il sapore grasso del guanciale richiedono senza ombra di dubbio un vino caratterizzato da una buona struttura, morbidezza, e da un buon apporto tannico.

Quale vino migliore dunque, da accostare alla pasta alla gricia? Un buon Syrah Cortona Doc può fare la differenza grazie alla sua intrigante speziatura di pepe nero.

Syrah Cortona Doc caratteristiche

Il vitigno Syrah è tra i più coltivati al mondo, tuttavia le sue origini al giorno d’oggi rimangono ancora misteriose. Si narra che a portare le prime barbatelle di syrah siano stati alcuni cavalieri di ritorno dalle crociate in Terrasanta e messe a dimora nella valle del Rodano.

Il vino è caratterizzato da un colore rosso intenso e la sua profumazione rimanda alla mente note floreali, frutta rossa e spezie, in particolar modo si avverte un forte sapore di pepe nero. In bocca il gusto è abbastanza complesso, ampio, donando al vino sfaccettature di eleganza e nobiltà.

Per quanto riguarda la trama tannica, essa è ben integrata mentre il grado di acidità è molto equilibrato. Va servito ad una temperatura tra i 16° e i 19°C. Si abbina perfettamente anche ad arrosti, grigliate, carni allo spiedo, selvaggina, agnello al forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1