Cosa significa vinificare in purezza

Posted on by

Sappiamo tutti che dietro ad un buon vino c’è sempre una buona uva, ma non manca il lavoro e soprattutto la professionalità. Generalmente quando si produce un determinato tipo di vino si utilizzano diverse tipologie di uve in maniera tale da rendere il sapore e il gusto unico, coinvolgente, e soprattutto originale. 

Le percentuali di uvaggi utilizzate sono disciplinati da alcuni regolamenti i quali decretano se un vino può essere etichettato come igt, doc oppure docg. Esistono d’altro canto altri tipi di vino prodotti con un solo tipo di uva, definiti “vini in purezza”. 

Il risultato che ne deriva è un vino dal sapore deciso che non a tutti piace, pertanto per poterne apprezzare le caratteristiche e la qualità bisogna essere dei veri e propri intenditori

Quali sono i vini prodotti in purezza in Italia?

Ce ne sono moltissimi vini prodotti in purezza, moltissime cantine infatti per poter contraddistinguere il loro prodotto da un altro sul mercato scelgono di utilizzare un solo vitigno in maniera tale da offrire gusti unici e originali 

Tuttavia produrre un buon vino in purezza non è per niente facile, perchè i processi per poter ottenere un risultato eccellente si rivelano delicati, per cui occorre fare molta attenzione in maniera tale da non cadere in errore.

Ma tornando alla domanda: quali sono i vini prodotti in purezza in Italia, ne potremmo citare tantissimi. Generalmente i vini prodotti con il Sangiovese sono vinificati in purezza, ovviamente non tutti. Hanno un’acidità piuttosto elevata e un alto contenuto di tannini, inoltre presentano un colore moderato e una struttura media

Gli aromi sono prevalentemente orientati ai frutti rossi e neri. Fra gli aromi floreali invece troviamo note di violetta seguite a loro volta dall’aroma di rosa. 

Quali sono le caratteristiche del Sangiovese?

La principale peculiarità del Sangiovese è la sua acidità piuttosto evidente e il contenuto dei tannini elevato. Pertanto oltre ai vini prodotti in purezza, molti produttori hanno optato a pratiche enologiche particolari in modo tale da mitigare il sapore deciso. Quindi queste due caratteristiche giustificano spesso le scelte di alcuni produttori ad unire al Sangiovese altre tipologie di uve, quindi non parliamo più in questo caso di vini in purezza. Un esempio tipico è il Canaiolo Nero. A questo vino è stata aggiunta una percentuale di Sauvignon, Cabarnet e Merlot.

Merlot in purezza

Oltre al Sangiovese vinificato in purezza, troviamo altresì il Merlot in purezza. La caratteristica principale di questo vitigno a bacca nera è la pienezza degli aromi fruttati.

Il Merlot vinificato in purezza esprime tutta la sua personalità sia a livello olfattivo che gustativo, donando ai vini buona struttura e trama tannica elegante e raffinata. Grazie alle sue caratteristiche il Merlot in purezza si può facilmente abbinare a diverse pietanze, come primi piatti e secondi a base di carni, grigliate, ma anche formaggi di media stagionatura.

Il suo colore è rosso rosato e il suo gusto è fermo e deciso. Per chi ama vini intensi allora questo potrebbe fare al caso proprio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1