Consorzio Morellino di Scansano: ecco il punto della situazione

Posted on by

Il Consorzio Morellino di Scansano riferisce i dati della vendemmia di quest’anno per la denominazione toscana DOCG. A quanto pare si chiude con un -20-25% in media la vendemmia 2017. Si tratta di dati non definitivi, ma in linea di massima questo è quanto riportato dal Consorzio in questione.I dati  verranno resi pubblici definitivamente soltanto nel mese di dicembre.

Secondo il Presidente, Rossano Teglielli, quest’anno le uve si sono rivelate sane e di conseguenza di buona qualità, l’unico problema è stata la quantità prodotta, poichè, a causa delle condizioni climatiche avverse, la produzione è scesa un bel po’. Alcune realtà non hanno avuto cali di produzione evidenti, mentre altre piccole aziende si, e purtroppo il danno è stato ingente.

Ecco nello specifico le concause che hanno portato ad una riduzione della produzione

Secondo il Presidente del Consorzio, le cause che hanno determinato questa situazione sono state in linea generale 3:

Prima di tutto la grande siccità, che ha portato ovunque delle complicazioni non di poco conto, poi le gelate primaverili, che seppur in percentuale minore hanno avuto un’incidenza sul raccolto, e poi un’altra causa che ha determinato questa condizione nel territorio maremmano è stata la presenza degli ungulati, che spinti dalla sete e dalla fame hanno attaccato le uve e i grappoli.

Purtroppo è cosa risaputa che questi animali soprattutto in Toscana stanno aumentando in modo esponenziale apportando problemi non soltanto a livello agricolo ma anche a livello sociale, basti pensare infatti, che negli ultimi anni a questa parte l’invasione sulle carreggiate e sulle strade di questi animali ha portato ad un aumento di incidenti stradali.

Ma il problema maggiore è stata la siccità. Molte aziende sono state in grado di fronteggiare il dilemma  attraverso soluzioni immediate come l’irrigazione di soccorso, altre purtroppo non hanno avuto i mezzi idonei per poterlo fare e di conseguenza la situazione è stata più che deplorevole. Poi c’è da considerare anche un altro aspetto, ovvero il terreno.

Chi possiede terreni che trattengo l’umidità, di sicuro ha sofferto di meno il problema della siccità.

Il Consorzio firma una convenzione con la banca TEMA

Pertanto, visto il precedente trascorso, il Consorzio ha deciso di firmare una convenzione con la Banca TEMA, in maniera tale che i soci che ne fanno parte possano usufruire di agevolazioni e benefici in modo da fronteggiare in futuro la situazione con i giusti mezzi e strumenti, senza essere colti impreparati.

Naturalmente, affinchè tutto possa realizzarsi a dovere, è necessario che la politica snellisca quanto prima tutte le procedure burocratiche cosicché le aziende agricole potranno attivarsi quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1