Trovato il vino più vecchio del mondo: è siciliano e ha 6.000 anni

Posted on by

Volete sapere cari lettori, qual è il vino più vecchio del mondo? Ve lo diciamo subito: è un vino siciliano e ha 6.000 anni. Ebbene si, avete letto perfettamente. Le analisi chimiche sono state condotte su contenitori di coccio che risalgono all’era del Rame, più specificatamente, 4.000 anni prima di Cristo. Questo significa in altri termini, che esisteva il vino ben 2.000 anni prima dell’Età del Bronzo

Merito della scoperta è da attribuire ad un team internazionale di ricerca condotto dall’archeologo Davide Tanasi dell’Università della Florida Meridionale, con la collaborazione del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR), l’Università di Catania e alcuni esperti della Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento.

I residui in pratica, contenevano tracce di acido tartarico e sali di sodio, ovvero ingredienti tipici del vino.

La straordinaria scoperta è stata annunciata sulle pagine della rivista ” Microchemical Journal” e porta gli studiosi a riconsiderare tutte le ipotesi fatte fino adesso su questa tematica. Come anticipato precedentemente, la produzione del vino nel nostro Bel Paese dunque, non sarebbe iniziata durante l’Età del Bronzo, ma ancor prima.

La scoperta

La conferma arriva proprio dai residui chimici raccolti sulla giara. L’antico vaso si trovava sul monte Kronio in una profonda grotta dove per millenni ha custodito il segreto. Infatti dopo il ritrovamento del manufatto che è stato poi sottoposto ad alcune analisi hanno consentito così di effettuare la scoperta.

Nonostante i secoli passati, la terracotta è riuscita ugualmente a mantenere intatte tracce di acido tartarico e sale di sodio. Ma a quanto pare gli studiosi vogliono ugualmente proseguire con le ricerche, non vogliono fermarsi qui, ma andare oltre. Infatti dopo il successo iniziale il nuovo obiettivo che si prefiggono di raggiungere è quello di scoprire se il vino era bianco o rosso.

Ma considerando le buone condizioni in cui è stata ritrovata la giara di sicuro ci saranno molte probabilità che riescano anche in questa nuova impresa. Staremo a vedere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1