Gewurztraminer, come va servito? Qualche consiglio utile

Posted on by

Il vitigno Gewurztraminer è un vitigno molto raffinato, con il suo profumo inebriante si adatta molto bene ad essere consumato in diverse occasioni.

Ciò che lo rende inconfondibile è la sua aromaticità caratterizzata da profumi floreali di rosa, pesca, gelsomino, albicocca, frutta esotica, resi ancora più dolci da miele e spezie come il ginger e la cannella.

Si tratta di un vitigno abbastanza versatile, poichè oltre ad essere la base per i grandi vini secchi è insuperabile quando viene raccolto a maturazione inoltrata. Se si dovesse descrivere il Gewurztraminer in una sola parola, lo si può definire semplicemente sontuoso. Con profumi esotici, è davvero particolare, in bocca poi la sua consistenza è così morbida e cremosa con un bouquet che sembra voler esplodere da un momento all’altro.

E’ un vino che non si nasconde, ma viene immediatamente riconosciuto già nel momento in cui si accosta il naso vicino al bicchiere. Se siete di quelle persone che amano scoprire lentamente il sapore del vino, allora il Gewurztraminer fa al caso vostro.

Vino nobile, elegante e pieno di mille sfaccettature. Per questo piace a molti e riesce a soddisfare anche i palati più esigenti.

Gewurztraminer e abbinamento cibo

Spesso si sente dire che il vino in questione sia difficile da abbinare con le varie pietanze. Ma in realtà non è così. Si tratta di un vino versatile che può essere facilmente accostato a diversi piatti, in particolar modo al foie gras, al tartufo, alla Quiche Lorraine.

Ma non solo…il Gewurztraminer è ideale da gustare insieme a portate a base di carni bianche, molluschi e pesce. E’ perfetto oltretutto con la cucina thailandese e giapponese, che fanno risaltare ancora di più le caratteristiche del vino.

In aggiunta è possibile accostare alla bevanda i formaggi stagionali e si rivela ottimo anche per l’aperitivo e come vino da meditazione.

Gewurztraminer: caratteristiche organolettiche

Presenta un colore giallo paglierino illuminato da riflessi dorati. Al naso si avvertono note fruttate ed esotiche che coinvolgono tutti i sensi, a cui seguono cenni impercettibili di spezie, chiodi di garofano, anice stellato e pepe bianco.

In bocca invece il sapore è dolce, a volte anche grasso ma avvolgente, talvolta persistente e aromatico caratterizzato da aromi di rosa, noce moscata, frutta candita, in particolar modo albicocca candita.

Come va servito il Gewurztraminer?

La temperatura di servizio è quella classica dei vini bianchi e molto profumati, ovvero 10-12°. Tuttavia per poter sperimentare un’acidità meno carente anche un grado in meno potrebbe fare la differenza, mentre per esaltare i profumi di un vino più acido a questo punto va bene qualche grado in più.

Ma passiamo al gusto, perchè qui potrebbe sorgere qualche piccolo problemino: se il vino non dovesse avere il giusto equilibrio tra acidità, sapidità e parti morbide, ahimé, risulterebbe flaccido e di conseguenza tutti gli aromi si trasformerebbero in un’accozzaglia pastosa.

Ma non temete, perchè è molto difficile che il Gewurztraminer possa deludere. Grazie ai suoi ingredienti principali è in grado di reggere anche affinamenti molto lunghi.

E voi, cari lettori, cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1