Baroliadi: il gioco riguarda storia e folclore di Langa

Posted on by

Anche quest’anno, specificatamente il 23 luglio 2017 alcuni produttori del Barolo si sono sfidati in modo goliardico in avvincenti e insoliti giochi che rievocano il mondo del vino, la cultura e la tradizione locale.

Ecco quali sono state la squadre in gara: BaroloCastiglione FallettoLa MorraMonforte d’AlbaNovelloRoddinoSerralunga d’Alba e Vergne. Non più 5, ma 8 cerchi quest’anno presenti.

Lo scopo di tale evento è stato quello di valorizzare ancora una volta il territorio dove si produce il Barolo, e attraverso la competizione agonistica far conoscere gli usi e i costumi del paese.

Quali sono stati i giochi che si sono effettuati?

Marco Andriano, presidente della Pro loco Roddino che organizza l’evento, ecco quanto ha dichiarato in merito alla gara: ” si tratta di giochi ispirati al mondo del vino e ai lavori in vigna. Una raccolta dell’uva fatta di acini bombe d’acqua, un puzzle con le figure dei paesi partecipanti che prendono vita dall’incastro di scatole di vino, la corsa del Palio in cui le squadre devono far correre lungo un percorso tutt’altro che facile una botte di legno da 225 litri».

Puntualmente ogni anno, tantissimi sono i supporter che incitano coloro che partecipano alla gara agonistica tra striscioni  e risate. Giovani e over 70 non hanno rinunciato a partecipare. 

A Roddino, a portarsi a casa il palio dell’edizione n.15 delle Baroliadi è stato il borgo di Monforte. Sul podio anche la Morra, che ha vinto la medaglia d’argento e al terzo posto invece, con la medaglia di bronzo troviamo Vergne.

Insomma è stato un pomeriggio ricco di allegria e di spirito agonistico a cui le squadre degli 8 paesi si sono presentate alla gara con divise dai colori alquanto sgarcianti.

I giudici che hanno decretato il vincitore

Tre i sindaci che hanno incalzato il ruolo di giudice troviamo: van Borgna di Albaretto Torre, Alessandro Fenocchio di Arguello e Davide Sobrero di Cerretto Langhe, in maniera tale da garantirne la massima imparzialità.

Il momento più atteso e che ha scatenato le grida dei tifosi è stata l’ultima prova della corsa delle barrique, in cui due giocatori per squadra avevano il compito di spingere lungo un percorso tutt’altro che facile una botte di legno da ben 225 litri in salita.

Sembra che questo immancabile evento che puntualmente viene organizzato ogni anno nella zona, prenda spunto da una manifestazione in voga negli anni ’50. Negli ultimi anni a questa parte però tale avvenimento è stato nuovamente riproposto con una versione completamente nuova al fine di esaltare e valorizzare le bellezze naturali e paesaggistiche del posto, i prodotti locali nonché le specialità enogastronomiche che contraddistinguono questo luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1