Abbinamento vino e Brie, indicazioni e consigli

Posted on by

Sicuramente l’abbinamento vino e formaggi non è scontato, perchè ne esistono talmente tanti sul mercato che fare la correlazione esatta si rivela alquanto difficile, perché ogni formaggio che si rispetti possiede le sue peculiarità e caratteristiche.

Tuttavia questo piccolo aspetto non deve farci scoraggiare, ma stimolare ancora di più. Usando un pizzico di fantasia è possibile fare degli abbinamenti con il vino anche andando fuori dagli schemi. Ma se c’è qualche piccola regola da rispettare per fare l’abbinamento giusto, ecco che questa guida si rivela la giusta soluzione per creare l’accostamento perfetto tra vino e formaggio.

Il formaggio può essere servito a fine pasto come dolce o come aperitivo, la cosa importante è abbinare il vino giusto in maniera tale da esaltare le caratteristiche organolettiche di quest’ultimo.

Ecco alcuni piccoli suggerimenti per fare il giusto accostamento tra vino e formaggio

Innanzitutto è bene ricordare a tutti i lettori che formaggi e vino devono fornire sensazioni percettibili. A tal proposito il sapore del formaggio e quello del vino non devono sovrastarsi a vicenda, ma amalgamarsi in modo tale da suscitare un’unica sensazione. Quindi è chiaro che un vino rosso corposo e ben strutturato come ad esempio il Barolo, non potrà accompagnare la mozzarella, o se sul palato abbiamo il sapore piccantino di un provolone stagionato, il vino bianco come l’Arnels non si rivela la scelta giusta.

Bisogna oltretutto tenere presente che dopo aver servito un vino strutturato accompagnato da pietanze elaborate e succulente è bene perseguire con un formaggio che si addica allo stesso vino. 

Quale giusto vino abbinare al Brie?

Diversi sono i vini che si possono abbinare a questo formaggio francese a pasta molle, dal sapore unico ed inconfondibile. Il Brie è un formaggio conosciuto e apprezzato da tutti.

A livello nutrizionale è ricco di proteine, vitamine, calcio e contiene fosforo, sodio e potassio. Il periodo ottimale per acquistare tale formaggio è a fine estate e in autunno.

Per il suo gusto raffinato ed elegante un buon vino che si può abbinare è lo Chardonnay. Grazie alle sue caratteristiche organolettiche regala a questo formaggio maggiore potenza di gusto.

Lo Chardonnay è un’uva che possiede una componente acida piuttosto moderata. Ma la differenza gustativa è fortemente condizionata dal modo in cui viene vinificato: i vini prodotti con maturazione e fermentazione in contenitori d’acciaio possiedono un’acidità più spiccata, e un gusto simile alla frutta fresca, mentre quelli realizzati in contenitori di legno hanno un sapore complesso ma morbido al contempo stesso, e una struttura più corposa.

Chardonnay: caratteristiche organolettiche

Presenta un colore giallo paglierino tendente al dorato. Al naso arriva con profumi abbastanza intensi e fini grazie alle note della frutta esotica che si avverte. Per quanto riguarda il gusto in sé, esso si rivela fresco e morbido e lascia una persistenza quasi elegante.

E’ consigliabile servirlo ad una temperatura tra i 10 e i 15°C. Ma lo Chardonnay non è soltanto ottimo con il formaggio Brie, grazie alle sue caratteristiche organolettiche e peculiarità si sposa molto bene con aperitivi, si lega con pietanze a base di pesce, antipasti leggeri e inoltre è ottimo con le carni bianche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *