Premio alta qualità del vino, Alto Adige sotto i riflettori

Posted on by

Riparte una nuova edizione del concorso enologico nazionale. Una sfida tra i campioni nazionali che si contenderanno fino all’ultima battaglia il Premio Qualità Italia 2017. Il concorso è organizzato dalla Scuola alta formazione e Perfezionamento “Leonardo” di città Sant’Angelo (PE), con la supervisione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, e con la collaborazione di enti e organizzazioni nazionali.

Lo scopo di questo grande evento è quello di far conoscere i vini tipici regionali non solo a livello nazionale ma anche internazionale valorizzando la qualità del Made in Italy. In un settore in crescita e dinamico come quello vinicolo partecipare a questo grande concorso può diventare una straordinaria opportunità per poter emergere e contraddistinguersi dai propri competitors apportando un alto valore qualitativo al prodotto in sé, oltre a far conoscere il proprio brand.

Rispetto a qualche anno fa il vino non è più visto come una semplice bevanda da portare in tavola per sorseggiarla durante un pasto, ma al giorno d’oggi viene arricchita da connotazioni prestigiose e culturali esaltandola in ogni singolo aspetto e valorizzando quel connubio irreprensibile tra vignaiolo, vigna e territorio.

Ecco come si svolge il concorso

Per chi intente partecipare, ecco il regolamento del programma: entro il 09 giugno 2017 possono iscriversi al concorso tutte le aziende vitivinicole nazionali. Ma per poter fare questo bisogna inviare un campione di vino presso la sede della Scuola Leonardo. Una volta ricevuto il campione di vino, in un secondo momento si procederà alla sua degustazione.

Pertanto dal 14 giugno fino al 17 giugno 2017 si svolgeranno le varie degustazioni dei vini prodotti dalle aziende partecipanti. La premiazione del miglior vino avverrà invece il primo luglio 2017.

Naturalmente sarà presente una commissione di alta qualità, con esperienze nel settore che giudicheranno tra i vari vini proposti, il migliore. Più specificatamente, la giuria sarà composta da 5 componenti scelti tra tecnici ed enologi. Affinché il tutto venga svolto con regolarità, sarà presente, durante le degustazioni, un pubblico ufficiale.

Come si svolgerà la premiazione?

20 saranno i premi che verranno assegnati sia a livello regionale che nazionale. Oltretutto il concorso sarà articolato in 6 categorie principali, anche i vini biologici potranno prendere parte alla manifestazione.

I primi 5 vini che avranno ottenuto il maggior punteggio per ciascuna categoria, verranno a loro volta sottoposti ad una seconda valutazione. Questa volta saranno presenti 4 tecnici e 3 assaggiatori professionisti.

Per quanta riguarda il punteggio finale, esso sarà dato dalla media di quelli ottenuti nelle prime due fasi. Ecco qui di seguito le 6 categorie di vini in gara: 

IGT (Rossi, Bianchi e Rosati), DOC (Rossi annate 2016, 2015, 2014, 2013, 2012 e precedenti, Bianchi annate 2016, 2015 e precedenti, Rosati), DOCG (Rossi, Bianchi e Rosati); Vini Frizzanti (Rossi DOC e IGT, Bianchi DOC e IGT, Rosati DOC e IGT); Vini spumanti (Rossi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Bianchi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Rosati VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ); Vini passiti (DOC, IGT).

Provare per credere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1