Abbinamento vino e pizza fritta

Posted on by

La pizza fritta è uno di quegli alimenti finger food molto amati dagli italiani e non solo. E’ un prodotto tipico della cucina partenopea simile allo gnocco fritto o al panzerotto. Nella città di Napoli, la pizza fritta si serve appena scolata dall’olio e avvolta in un secondo momento dalla carta paglia. La si mangia calda e la si gusta passeggiando per le via della città o in pizzeria.

Oggi la pizza fritta è possibile farcirla come meglio si crede, moltissime sono le varianti, un tempo invece, si mettevano gli ingredienti che si avevano a disposizione. E’ un piatto che piace a tutti soprattutto ai bambini. E’ molto facile da preparare, e anche se è vero che solo a Napoli si può gustare in tutta la sua prelibatezza la vera pizza fritta, noi vi proponiamo la nostra versione , che di sicuro vi farà impazzire.

Per poter realizzare questo sfizio irresistibile basta preparare il classico impasto della pizza, e farcirlo con un buonissimo ripieno che ora vi andremo a illustrare, accompagnato il tutto da un buonissimo vino. Ma andiamo per gradi, iniziamo dapprima con la preparazione della pizza fritta.

Pizza fritta: ingredienti

Per la pasta della pizza occorrono i seguenti ingredienti:

  • 500 gr di farina doppio zero
  • 2 gr di lievito
  • 320 gr di acqua
  • 10 gr di sale

Per il ripieno invece

  • 300 gr di ricotta di bufala
  • 100 gr di provola
  • 200 gr di pomodorini pelati
  • 60 gr di salame napoli
  • 8 foglie di basilico
  • sale e pepe q.b.

Per il procedimento: preparate innanzitutto l’impasto della pizza. La cosa importante è lavorarla bene in modo che si lieviti come si deve. Una volta pronta, fate dei piccoli panetti e lasciateli riposare per almeno due ore in un luogo fresco e asciutto.Una volta lievitati  occupatevi del ripieno.

Prendete i panetti uno per volta e aggiungete gli ingredienti elencati precedentemente per il ripieno. Attenzione però: dovete utilizzare 1/4 degli ingredienti citati per ciascuna pizza, farcendo soltanto una metà, mentre l’altra dovrà rimanere libera. Quindi stendere dapprima uno strato di ricotta, poi aggiungere i pomodorini, schiacciateli con la forchetta e in seguito mettete pure gli altri ingredienti. Salate, pepate e chiudete il tutto.

Ripiegate sopra la metà del disco non farcita, così da creare una mezza luna. Sigillate bene i bordi in modo che non fuoriesca il contenuto. Quando l’olio sarà bollente versate la pizza nella padella e giratela dopo qualche minuto in modo che diventi dorata. Dopodiché scolatela e adagiatela su carta assorbente .

A questo punto la pizza fritta è pronta per essere gustata in tutta la sua bontà.

Pizza fritta e vino: qual è l’abbinamento perfetto?

Fra i più famosi vini italiani, il Marsala è quello che si abbina perfettamente con la pizza fritta, grazie alle sue caratteristiche organolettiche e per la sua estrema versatilità. In qualsiasi modo venga utilizzato questa bevanda è davvero unica e abbastanza apprezzata sotto tutti i punti di vista.

Vino Marsala rosso: caratteristiche

Il Marsala Fine Rubino o il Marsala Superiore Rubino, entrambi sono caratterizzati da un sapore deciso ma estremamente raffinato. Il sapore è dolce, intenso, caldo. Per quanto riguarda il profumo: presenta aromi che spaziano da confetture e marasca cotta, da fiori appassiti a frutta secca.

Con il procedere degli anni, il vino Marsala diventa via, via sempre più ambrato. Il sapore invece rimane intatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *