Vino barricato: cosa significa e come si fa?

Posted on by

Tra vini bianchi, rossi, rosati, passiti, c’è un vino molto particolare: il cosiddetto vino barricato. Il vino barricato trae la sua origine dalle “barriques“, grandi botti di legno in rovere, di capacità di 225 litri. In queste botti il vino viene lasciato invecchiare lentamente. Non tutti i vini sono adatti alla maturazione ma quelli che invece vengono fatti invecchiare in questo modo ottengono caratteristiche molto interessanti.

Come si fa il vino barricato?

Per produrre un vino barricato bisogna procurarsi innanzitutto una barrique. Attenzione però che le barriques nuove possono essere usate solo per tre anni per ottenere una vinificazione sufficiente. L’invecchiamento del vino nelle barriques permette a quest’ultimo di avere un gusto specifico poiché l’ossigeno che penetra dai pori del legno svolge un processo di ossidazione e il legno inoltre cede dei composti aromatici. Questi due processi rendono il vino ancora più pregiato. C’è un aumento dell’intensità cromatica rispetto ai vini invecchiati in un altra maniera.

Vini barricati rossi

In Italia si producono diversi vini barricati. Tra i vini rossi barricati troviamo: il Raboso Barricato: può essere servito a una temperatura di 20° ed è ottimo l’abbinamento con carni di maiale, brasato e anatra. Il Barone è disponibile solo in bottiglia e  può essere servito a 18°. Il suo sapore è asciutto e accompagna bene gli arrosti di carni bianche e rosse. Il vino rosso Barricato NOAH, può essere servito a 16°. Si ottiene dalle uve Merlot e invecchia 8 mesi nelle barriques. Il suo colore è rosso rubino e accompagna bene i piatti a base di carne rossa e formaggi stagionati.

Vini barricati bianchi

Tra i vini bianchi barricati italiani c’è il Piemonte D.O.C. Chardonnay. Questo vino può essere servito abbastanza freddo, a 12° circa. Presenta un tasso alcolico di 14° e ha un profumo caratteristico. In boacca è molto morbido e gradevole con un sentore di banana, nocciola o vaniglia. Sposa alla perfezione ’addice con i primi piatti, i piatti a base di carne bianca e i formaggi stagionati. Un altro vino barricato bianco prelibato è lo Stajnbech Bianco D.O.C. Chardonnay. Il suo colore è giallastro e il suo sapore è armonioso con dei sentori di mela e di frutti tropicali. Un abbinamento ottimo tra con lo Stajnbech Bianco D.O.C. Chardonnay sono i piatti a base di pesce e carni bianche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1