Tempo, confezione e non solo: come si calcola il valore di un vino

Posted on by

Stiamo preparando una cena e ci troviamo di fronte alla scelta della giusta bottiglia di vino da servire ai nostri ospiti. A guardare gli scaffali dell’enoteca c’è davvero l’imbarazzo della scelta e ovviamente l’occhio cade anche sul prezzo. Si spazia da bottiglie di pochi euro ad altre con un prezzo decisamente più alto ma perché? Quali sono i fattori che incidono sul valore di un vino?

Il valore di un vino

Esistono diversi fattori che vanno a determinare quello che sarà il valore di un vino, innanzitutto la quantità prodotta e le tecniche di vinificazione, il tempo, la confezione,  il territorio e la produzione.

E’ facile immaginare che uno degli aspetti che maggiormente influenzano il prezzo di un vino è la quantità della produzione. Ogni vendemmia ha ovviamente dei costi fissi che non possono essere ridotti e non dipendono dalla quantità di bottiglie che riescono ad essere prodotte. Se la produzione di vino è quindi limitata i costi fissi andranno quindi ad influire in modo più incisivo se la quantità di bottiglie è più bassa.

Le tecniche di vinificazione sono quei processi che vengono messi in campo per trasformare l’uva in vino. Ne esistono ovviamente di diverso e possono avere come scopo il rendimento o la qualità. E’ facilmente intuibile che tecniche volte verso la qualità implicano costi più altri visto che il prodotto sarà disponibile sul mercato in quantità ridotte.

Il Tempo

Altro fattore determinante nella quantificazione del valore di un vino è il tempo. Un vino riserva, ad esempio, ha di solito un costo ben più alto di un vino della stessa qualità ma non riserva, questo perché in questo caso il vino ha avuto una permanenza più prolungata in botte di rovere ottenendo così una maggiore longevità e un prezzo inevitabilmente più alto a causa dei costi di investimento più elevati.

La confezione

Anche la scelta della confezione influenza il valore del vino. Un vetro più pesante, una qualità superiore della carta, una particolare attenzione all’etichetta, un lavoro attento di branding, la qualità del tipo di sughero usato per il tappo, sono fattori che influenzano il valore finale di una bottiglia di vino.

A questi fattori non va poi dimenticato di aggiungere i costi che sono legati al lavoro di comunicazione, ricerca, sviluppo e innovazione del prodotto.

Sempre trovandoci di fronte agli scaffali dell’enoteca potrà facilmente accadere che due bottiglie di vino pur essendo della stessa tipologia e della stessa area geografica hanno un prezzo diverso. La ragione di questa differenza è riconducibile ad un altro fattore essenziale ovvero le “micro-zone”: piccole aree all’interno di una zona più ampia in cui esistono condizioni ideali alla produzione di una particolare uva che può essere usata per la nascita di vini particolarmente pregiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1