Gli abbinamenti con il Sagrantino, i nostri consigli

Posted on by

Il Sagrantino ha come denominazione di origine di riferimento la Montefalco Sagrantino, è un vino che si fregia del riconoscimento Docg. Il Sagrantino di Montefalco è un vino tipico dell’Umbria, sia in versione secca che passita, prodotto soltanto con uve del vitigno Sagrantino.

Caratteristiche del Sagrantino

L’aria di produzione del Sagrantino è quella centrale dell’Umbria, in particolare quella collinare con una buona esposizione e con determinate caratteristiche geologiche nel territorio di Montefalco e dei comuni limitrofi. Sia per la versione secca che per quella passita il periodo di invecchiamento è di 30 mesi di cui almeno 12 passati in botti di legno. La versione secca del Sagrantino (con una gradazione alcolica di almeno 13 gradi) grazie ad una grande quantità di polifenoli e tannini, si caratterizza per una straordinaria longevità e patrimonio organolettico.

La versione passita del Sagrantino (con una gradazione di almeno 14 gradi) si caratterizza invece per particolari metodi di appassimento con un disciplinare di 80 quintali d’uva per ettaro. Fra le due tipologie di Sagrantino quella maggiormente apprezzata è senza dubbio quella secca. Le sue caratteristiche sono: un intenso colore rosso rubino (colore che durante l’invecchiamento tende al granato) un odore delicato caratterizzato da note fruttate, un sapore asciutto e aromatico con una struttura robusta ben percettibile all’apertura e che persiste anche dopo aver deglutito il vino.

Il Sagrantino è un tipo di vino che grazie alle due tipologie, secco e passito, ben si adatta ad un eccellente abbinamento con tutti i piatti della cucina umbra spaziando dai primi piatti fino ad arrivare ai dessert.

Abbinamenti con il Sagrantino secco

Il Sagrantino secco, con una temperatura di servizio ideale di 18 gradi, si sposa bene con diversi tipi di carne, dal manzo al suino, dal capretto all’agnello, senza dimenticare i piatti di cacciagione come tordi e palombacci di passo. Altra eccellenza della regione Umbria è senz’altro il tartufo nero, perfetto l’abbinamento con il Sagrantino in quanto questo tipo di vino riesce ad esaltare il profumo e la sapidità del pregiato fungo.

Abbinamenti con il Sagrantino passito

Il Sagrantino passito, con una temperatura di servizio ideale di 12 gradi, è perfetto con i dolci tipici umbri come lo stinchetto di marzapane, l’Attorta (un tipico dolce attorcigliato di zucchero e mandorle), il Brustengolo (una polenta di granoturco con mele tritate) e i maccheroni con le noci (tipico dolce umbro del periodo natalizio). Il Sagrantino passito può trovare un eccellente abbinamento anche con la degustazione di formaggi di pecora stagionati tipici della regione Umbria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1