Vino, ecco le 10 mete da non perdere nel 2017

Posted on by

C’è anche una destinazione italiana tra le “10 Best Wine Travel Destinations of 2017”, le 10 migliori mete per i viaggi a tema vino che la prestigiosa rivista americana “Wine Enthusiast” definisce da scoprire nel corso dell’anno iniziato da poche settimane: si tratta della Sicilia, che la reporter specializzata reputa un “paradiso per i wine lovers”.

La Sicilia, un paradiso per gli amanti del vino

Nell’articolo a firma Kerin O’Keefe, corrispondente italiana del magazine, vengono messi in risalto una serie di pregi dell’isola siciliana, a cominciare da “spiagge, vulcani, antiche rovine, gran cibo e ottimo vino”, che rappresentano una carta di identità di straordinario valore per gli enoturisti. La giornalista, inoltre, descrive la Sicilia come ‘‘punteggiata da antichi templi greci e cattedrali normanne, con una storia ricca e un patrimonio culturale multiforme. E vanta anche miglia e miglia di spiagge incontaminate, paesaggi mozzafiato e il più alto vulcano attivo d’Europa, l’Etna”.

La classifica delle mete da non perdere

A questo patrimonio storico, poi, si aggiunge la produzione di “vini fantastici, sia da vitigni autoctoni che internazionali. Dai rossi corposi ai bianchi vivaci e minerali”, che ne decretano l’ingresso in classifica. A fare compagnia alla nostra isola italiana ci sono nove località in giro per il mondo, dall’area della Provenza in Francia alle Isole Canarie, da Marlborough in Nuova Zelanda alla zona di Rheingau in Germania, da Londra alle alture di Cafayate in Argentina; e poi, ancora, sono da citare l’Hood River e la zona di Calistoga (in piena Napa Valley) negli Stati Uniti e la Tracia in Bulgaria (che combina meraviglie archeologiche con una moderna produzione di vini).

Destinazioni per gli enoturisti

Restando solo all’Europa, i corrispondenti di Wine Enthusiast hanno premiato in particolare il vino “medievale” prodotto nell’area di Rheingau (a circa un’ora da Francoforte), che trova come scenografia antichi castelli Romani, monasteri e vigneti sterminati. Non meno affascinante, seppure completamente diverso, il panorama londinese, città che conquista con la sua vitalità e vivacità, in grado di conquistare turisti da ogni parte del mondo. Dalla frenesia alla calma delle pianure francesi e dell’area della Provenza, da sempre simbolo del buon bere vino (e patria, tra l’altro, dei vitigni Syrah e Grenache), per finire all’eccezionalità dei vini delle Isole Canarie, che crescono sulle loro stesse antiche radici e sono stati celebrati addirittura da William Shakespeare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1