Presto in Sicilia un Museo del Marsala

Posted on by

Se ne parla da tempo, ma adesso sembra essere davvero vicina la realizzazione del Museo del Marsala, per celebrare il vino liquoroso prodotto dalla seconda metà del Settecento ed esportato in tutto il mondo. L’apertura dovrebbe arrivare entro la fine del prossimo anno, secondo quanto riportano le fonti di informazione locale.

Il Museo del Marsala

Questa interessante (e gustosa) esposizione permanente sarà realizzata nel prestigioso Palazzo Fici a Marsala, nella provincia di Trapani, struttura che già ospita l’Enoteca Comunale e l’Associazione Strada del Vino Marsala Terre d’Occidente. Come raccontato dall’ideatore del progetto, Francesco Alagna, il piano prevede uno spazio multimediale sviluppato su 400 mq, in grado di tenere il passo con i più innovativi musei europei, e consentirà al visitatore un’esperienza autonoma e immersiva alla scoperta di questo prodotto. Al suo interno, infatti, sarà possibile degustare in modo autonomo il Marsala, scegliendo tra circa 60 etichette diverse, comprese alcune riserve storiche, grazie a un sistema di dispenser a temperatura controllata. Inoltre, in una specifica area, il museo ospiterà anche le collezioni di privati cittadini che vogliono condividere con il pubblico i loro “pezzi di storia”.

Passi in avanti per l’apertura

A spingere sull’inaugurazione del museo è anche l’amministrazione regionale della Sicilia: in particolare, l’assessore regionale al Turismo Antony Barbagallo ha spiegato al quotidiano locale Giornale di Sicilia che è stato affidato “l’incarico al Servizio turistico regionale di Trapani di avviare le attività propedeutiche per la realizzazione del progetto, che costituisce una concreta occasione di promozione, non soltanto di un prodotto di eccellenza riconosciuto nel mondo e del territorio che lo esprime, ma anche dell’intera Sicilia”. Prossimo passo, un tavolo operativo a cui sono stati chiamati il Comune di Marsala e l’Istituto regionale Vino Vite e Olio.

Da dove nasce l’idea del progetto

È invece Francesco Alagna che spiega l’origine di questo importante piano di promozione del vino marsala: “Ero in Australia, nel 2014, in visita al Wine Museum di Adelaide, quando ho pensato per la prima volta al progetto di un museo dedicato al vino Marsala, prodotto che amo e che da anni promuovo in prima persona. Sono infatti partito dalla mia esperienza personale: grazie al mio lavoro, sono in costante contatto con i turisti provenienti da ogni parte del mondo”. L’ideatore del Museo ha inoltre “constatato una grande curiosità sul vino Marsala. Molte persone scelgono questa meta turistica perché attratti dalla grande tradizione vitivinicola, ma poi trovano poche e frammentate informazioni. Da qui nasce l’idea di creare uno spazio ad hoc per raccontare, attraverso un linguaggio moderno e strumenti interattivi, questo vino Doc prodotto in provincia di Trapani da diversi vitigni a seconda della tipologia, come indicato nel Disciplinare che dal 1984 ne formalizza la classificazione in base al colore (oro, ambra e rubino), al residuo zuccherino, al titolo alcolometrico e, soprattutto, agli anni di affinamento (Fine, Superiore, Superiore Riserva, Vergine o Soleras, Vergine Riserva o Soleras Riserva)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1