Vino, ecco come affinare il proprio naso

Posted on by

Anche il naso va affinato, se si vuole imparare a riconoscere i profumi e gli aromi di un vino. Ecco allora che la Pulltex, società spagnola specializzata nel settore, propone una elegante confezione con 40 essenze differenti con le quali avvicinarsi a una degustazione più consapevole, mentre invece i laboratori Cambridge Consultant puntano sui sapori ottenuti in maniera personale e “artigianale” dai consumatori.

La valigetta Pulltex

Un set di aromi che può servire a imparare a distinguere i principali profumi del vino: questa è, in sintesi, la descrizione della valigetta Pulltex kit da 40 essenze da Vino, che proponiamo anche sul nostro shop online a prezzo assolutamente vantaggioso. Dalle note dei frutti più comuni, passando per pompelmo, miele e tartufo nero per arrivare fino ai sentori meno usuali (come fieno e peperoncino verde), questa confezione può rappresentare il primo passo verso una possibile carriera da sommelier, o più semplicemente una simpatica idea per animare e movimentare una serata tra amici, sfidandosi a indovinare i vari profumi che si sentono e ad affinare il proprio naso, perché scoprire e riconoscere i profumi del vino permetterà poi di apprezzare meglio i bicchieri che si degustano.

Cosa c’è nel kit Pulltex

All’interno della valigetta in metallo si trovano, come detto, 40 differenti essenze contenute in piccole bottigliette, così suddivise: 12 sono gli aromi base per i vini bianchi e altrettanti quelli più comuni per i vini rossi, e i rimanenti 16 profumi sono definiti “più complessi” tra quelli che si possono trovare nei vini. All’interno della confezione, poi, non manca un libretto con le spiegazioni di tutti gli aromi, per iniziare ad allenare il proprio naso e imparare le basi per fare un esame olfattivo del vino

La risposta inglese

Arriva invece dall’Inghilterra un’altra novità in questo settore, che però sfrutta delle connessioni più tecnologiche per consentire a ogni appassionato di vini di ottenere un sapore nuovo e “artigianale”, semplicemente combinando i valori chimici di quattro vini utilizzati come base. Si chiama Vinfusion ed è proposta dalla azienda inglese Cambridge Consultants, e in breve si tratta di un sistema che può generare centinaia di possibile combinazioni di gusto, a piacimento del cliente, variando e miscelando chimicamente i valori delle quattro basi: Pinot NeroMerlotSyrah e Moscato Rosso.

Come funziona Vinfusion

Dopo la selezione del vino di base, il consumatore viene sottoposto a una serie di domande: la prima, ad esempio, è se desidera che il “suo” vino sia più leggero o più corposo, e poi ancora se più dolce o più secco. Raccogliendo e analizzando le risposte, il robot interno all’apparecchio (che sembra un rubinetto collegato a una piccola centrifuga) crea un vino speciale che miscela in maniera precisa quantità definite dei componenti base, lasciando la prova e il giudizio finale al “creatore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *