Vino bianco e calorie, qual è la verità?

Posted on by

Si dice in genere che un bicchiere di vino al giorno aiuti a vivere meglio: ebbene, c’è un fondamento in questa vecchia credenza popolare. E se il rosso fa “buon sangue”, un buon vino bianco può addirittura proteggere cuori e reni, come rivelato da uno studio coordinato dall’università Statale di Milano. E c’è inoltre un’altra importante notizia da tenere a mente: il vino bianco è relativamente poco calorico, e dunque non è neppure un nemico della linea.

Le calorie del vino bianco

C’è chi sostiene che un consumo costante di vino impedisca il dimagrimento, mentre altri supportano la teoria inversa e spiegano che è possibile perder peso anche bevendo vino quotidianamente. Come spesso capita, la verità sta nel mezzo, perché come ogni altro alimento anche il nostro amato vino libera una certa quantità di energia dopo la sua assunzione, che deve essere calcolata nel computo complessivo delle calorie che assumiamo nel corso di una giornata. In generale, data la sua composizione, un bicchiere di vino bianco è meno calorico di un corrispettivo di vino rosso, perché minore è la componente alcolica presente. In alcuni casi, dunque, il vino bianco può esser considerato un “alleato” della dieta, anche perché meno zuccherino delle bevande gassate e di altre bibite.

Come si calcolano le calorie del vino bianco

Esiste una vera e propria formula per conoscere le calorie contenute nel vino bianco, e questo calcolo non è troppo complicato. Come sappiamo, i gradi di ogni tipologia di vino sono espressi in percentuale di alcol sul volume. Un litro di alcol “pesa” 0,79 kg, e un grammo di alcol contiene 7 calorie. Questo significa che per scoprire le calorie del vino bisogna moltiplicare la quantità di vino in litri per la gradazione e poi per 7,9 (peso del vino) e, infine, per 7. Ad esempio, un vino bianco secco da 13,5 gradi alcolici tra quelli presenti sul nostro shop, come l’Abbazia di Novacella Alto Adige Sylvaner 2015, la Falanghina Villa Matilde Caracci 2012 o il Branko Capobranko 2015 forniscono un apporto calorico di 106,65 kcal per 100 grammi di prodotto. Una bottiglia da 13°, come il CasalFarneto Verdicchio dei Castelli di Jesi Crisio 2011, la Feudi San Gregorio Irpinia Campanaro 2014 o il Firriato Cavanera Ripa di Scorciavacca Bianco 2014, invece, conterrà 718,9 calorie per litro di vino.

Il vino nella dieta

Questo significa che un consumo assennato di vino può incidere per una percentuale tra il 7 e il 12 per cento al nostro fabbisogno energetico giornaliero. Perciò, in regime di dieta dimagrante si può bere vino, ma – come sempre – il consumo deve essere consapevole e limitato, e soprattutto bisogna calcolare bene la quantità assunta nel computo delle calorie complessive giornaliere, per evitare di toglier spazio a nutrienti essenziali per la nostra dieta.

Il vino bianco fa bene alla salute

Un ulteriore incentivo a bere un po’ di vino bianco viene anche da una recente ricerca dell’Università Statale di Milano, che ha dimostrato che uno o due bicchieri di vino bianco al giorno proteggono cuore e reni grazie al contenuto di acido caffeico che aiuta a rafforzare il sistema di cuore e reni, allontanando le malattie cardiovascolari. Merito dell’incremento nella biodisponibilità di ossido nitrico o monossido di azoto, mediatore endogeno di processi come la vasodilatazione e la trasmissione degli impulsi nervosi, che producono positivi effetti cardioprotettivi e nefroprotettivi per l’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *