Stati Uniti, arriva il vino per i gatti

Posted on by

Incredibile ma vero, dagli Stati Uniti arriva la notizia della produzione di un vino assolutamente particolare, pensato per inebriare, in maniera del tutto analcolica, i felini a quattro zampe, condividendo con loro l’esperienza di brindare insieme a loro.

Il vino per gatti

L’idea non poteva che venire dagli Stati Uniti, nazione “storicamente” portata a innovazioni e sperimentazioni anche ardite. Evidentemente, questo produttore di vino di Denver deve aver pensato: perché non esiste un vino per gatti, preparato secondo i loro gusti? Ed ecco che la Apollo Peak, questo il nome della società, ha lanciato sul mercato questa bevanda speciale, che si presenta come un vero e proprio omaggio alla “felinità”.

Cosa c’è nel vino per gatti

In questa bevanda, infatti, non è contenuto alcol, che risulterebbe nocivo per il nostro amico animale, ma comunque il mix di ingredienti promette di avere effetti positivi: alla base, infatti, c’è la famosa erba gatta, che agisce come un calmante naturale per i felini quando la ingeriscono (mentre invece ha effetti stimolanti quando i mici ne sentono l’odore). Insieme a questa spezia, la Apollo Peak ha pensato di aggiungere anche un tocco di colore, che serve a ricreare le tinte del nostro “normale” vino: la scelta, in questo caso, è ricaduta sul succo di barbabietola rossa, di sola origine locale, coltivata dunque da agricoltori diretti del Colorado.

Le due versioni di vino

Ma non c’è solo la versione rossa, battezzata Pinot Meow; gli americani hanno infatti inventato anche un’ulteriore variante di “moscato bianco”, anche questa a base di erba gatta, destinata ai gatti (e ai padroni) che preferiscono il gusto più aromatico delle uve chiare. Entrambe le bottiglie, annunciano fonti aziendali, sono vendute al prezzo di 11.59 dollari a bottiglia, e soprattutto non presentano alcuna controindicazione per i gatti, perché come detto non contengono alcuna traccia di alcool. Ultima notizia interessante: il vino per gatti può essere bevuto anche dai cani. E magari in questo modo finirà la storica battaglia tra questi animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1