L’abbinamento giusto per la carbonara

Posted on by

Un piatto tipico della gastronomia italiana, in apparenza semplice da cucinare, ma ricco di gusto e sostanza è la carbonara, di cui spesso si dibatte sull’utilizzo degli ingredienti, ma quasi mai sull’abbinamento ideale a livello gastronomico.

Per questo motivo cercheremo di capire quali vini poter impiegare per sposare a pieno il sapore deciso di questo piatto tipico della cucina nostrana.

Un piatto semplice, ma dalle sfumature complesse

La carbonara è un piatto che per sua natura ha un sapore abbastanza dolce, e ciò è dovuto sia all’impiego del tuorlo d’uovo, da aggiungere a cottura quasi ultimata, sia dagli zuccheri presenti all’interno della pasta.

In più, l’aggiunta di guanciale di maiale conferisce una nota unta e leggermente amarognola – specie dopo aver rosolato in padella – a questa sfumatura dolce, la quale ovviamente è bilanciata dalla sapidità del formaggio grattugiato, di solito una miscela di parmigiano reggiano e pecorino romano.

Per questo motivo, un primo piatto semplice da cucinare si rivela abbastanza complesso a livello di sapori, e di conseguenza presenta alcune difficoltà nell’abbinamento ad un vino.

Quale vino scegliere?

Per tale ragione il vino che dovrete abbinare agli spaghetti alla carbonara non dovrà essere né acido né sapido, e al tempo stesso rotondo e morbido.

Scartando i vini rossi, i quali presentano maggiore corpo e robustezza, oltre che ad avere un sapore troppo tannico, proviamo ad abbinare agli spaghetti alla carbonara qualche vino bianco.

Vini bianchi dal carattere morbido

Sulla base di tali requisiti, il vino ideale da abbinare alla carbonara può essere uno Chardonnay, di bassa acidità e non eccessivamente duro, come può esserlo ad esempio un Prosecco.

Utilizzare uno Chardonnay, preferibilmente barricato, contribuisce perciò ad ammorbidire la sapidità del formaggio e la croccantezza untuosa del guanciale. Inoltre rimane abbastanza presente la nota dolce conferita al piatto dall’uovo.

Rimane però presente la nota untuosa, che non è del tutto amalgamata dalla morbidezza dello stesso Chardonnay.

Un ulteriore tentativo può essere effettuato mediante l’accostamento con un Franciacorta, un vino assai morbido, ma dalla preponderante presenza di bollicine, le quali possono stridere nettamente con l’effetto cremoso della pasta medesima, donando al palato un retrogusto eccessivamente amaro.

Sempre rimanendo nell’ambito dei vini bianchi, la Malvasia delle Venezie può costituire un perfetto abbinamento, grazie alla sua freschezza e alle sue note morbide e non particolarmente forti, che non intaccheranno minimamente il sapore deciso della pasta alla carbonara.

Altro vino dal carattere piacevole è il Bianco dei Colli Armerini, che per la sua freschezza non presenta particolari problemi di abbinamento col nostro piatto di riferimento.

Accostamenti con vini rossi

Ci sono poi alcuni abbinamenti particolarmente azzardati, come ad esempio quello con una Barbera rossa strutturata, che per sua natura presenta un gusto forte, un corpo be definito, e un gusto ricco di tannini.

Un abbinamento difficile ma non impossibile

In linea definitiva, abbinare un vino agli spaghetti alla carbonara rimane un’impresa abbastanza difficile; ma stando attenti a non eccedere nell’acidità del vino, e rimanendo su una scelta di uve bianche abbastanza neutre, potete stare certi che il risultato per il palato vostro e dei vostri commensali sarà comunque soddisfacente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1