Esiste o no la data di scadenza di uno spumante?

Posted on by

Spesso, soprattutto i meno esperti, si interrogano se uno spumante possa considerarsi bevibile, benché ancora integro sia nel tappo che nella bottiglia.

Ebbene cercheremo di rispondere a questa domanda cercando di capire se esiste o no una vera e propria data di scadenza per lo spumante, sia questo dolce, brut, o lavorato con metodi particolari come per esempio il millesimato.

Indicazioni generali di conservazione

Stando alle indicazione dei produttori, esiste un tempo massimo di conservazione di uno spumante, entro il quale esso va consumato, al fine di gustare un prodotto conforme agli standard di qualità e di gusto che si confanno a tale bottiglia.

Il tempo di conservazione degli spumanti varia innanzitutto a seconda che la bottiglia faccia parte di quelli dolci oppure di quelli secchi.

Un’ulteriore discriminante è costituita dal metodo, il quale può essere ad esempio classico o millesimato, e che di conseguenza influenza tale lasso di tempo.

Gli spumanti dolci e aromatici, come possono esserlo l’Asti o il Brachetto, possono essere conservati per un tempo massimo di un anno dal loro imbottigliamento.

Per quanto concerne invece gli spumanti brut, come ad esempio il Prosecco, il tempo utile per consumare tali bottiglie si estende ad una durata massima di 2 anni.

Se invece avete dubbi circa uno spumante lavorato con metodo classico, potete stare decisamente più tranquilli: infatti tale categoria ha una data di scadenza che si estende addirittura a 4 anni dalla data di imbottigliamento.

Chiaramente tutto sta nel conservare in maniera ottimale le vostre bottiglie di spumante, attenendovi scrupolosamente alle indicazioni che solitamente sono apposte dall’azienda vinicola sull’etichetta retrostante: infatti parametri come temperatura, umidità e luce sono fondamentali per mantenere in perfetto stato uno spumante, a prescindere dalla sua tipologia e dalle proprie caratteristiche intrinseche.

La data di sboccatura: una vera e propria scadenza?

Un ulteriore parametro su cui occorre soffermarci, e che caratterizza molte delle lavorazioni degli spumanti è la cosiddetta sboccatura, ossia un procedimento che si effettua in cantina che prevede l’eliminazione dei lieviti e dei residui presenti sul fondo della bottiglia dopo la fermentazione.

Molte aziende vinicole consigliano, al fine di gustare tutte le caratteristiche dello spumante nella loro pienezza, di consumare la bottiglia entro i due anni dalla data di sboccatura, che è riportata sul retro nell’apposita etichetta.

Obiezioni e dubbi circa la data di scadenza

Chiaramente non bisogna prendere alla lettera quello che abbiamo detto nel paragrafo precedente: infatti, sebbene le case produttrici di vino consiglino di consumare una bottiglia di spumante entro un paio d’anni dalla data di sboccatura, non siamo di fronte ad un prodotto di elevata deperibilità: infatti le anidridi contribuiscono ad eliminare eventuali parassiti, e le caratteristiche della bottiglia e del tappo servono a garantire la massima qualità, anche a distanza di molto tempo dalla data di sboccatura.

Si possono per tale motivo trovare bottiglie di spumante che, anche a distanza di svariati anni, vengono aperte e consumate con tutto il piacere che ne consegue.

Basta infatti conservare in maniera opportuna la bottiglia di spumante, per poter godere di un prodotto ugualmente ottimo e dalle caratteristiche organolettiche pressoché immutate.

La conservazione, un parametro fondamentale

Quindi, tirando le somme, si possono trovare bottiglie che presentano personalità e qualità anche molto tempo dopo la data dei due anni dalla sboccatura: tutto sta infatti nella maniera in cui si è conservata tale bottiglia di spumante.

Se procederete quindi a rispettare i parametri di umidità e di temperatura consigliati dall’azienda produttrice, potrete tranquillamente gustare un buon bicchiere di spumante anche dopo molti anni dall’acquisto della medesima bottiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *