Cantina Girlan

Posted on by

La cantina Girlan rappresenta una delle eccellenze del territorio dell’Alto Adige. E’ stata fondata nel lontano 1923 in località Girlan, da 23 viticoltori, che hanno unito le loro forze con lungimirante visione. Oggi alla Cantina sono associati ben 200 piccoli viticoltori, che possiedono vigneti nelle zone storicamente più vocate della zona.


Girlan_04Le vigne sono coltivate a un’altitudine compresa tra i 250 e i 550 metri sul livello del mare, con esposizioni e composizione dei terreni molto diverse tra di loro, che consentono di coltivare ogni uva nel miglior microclima e habitat. Questa possibilità di scelta, ha portato la Cantina a piantare ogni varietà nella zona più adatta, ottenendo sempre uve di alta qualità. I vitigni coltivati comprendono gli autoctoni dell’Alto Adige e alcuni internazionali, che da secoli hanno dimostrato di essersi ambientati molto bene nella Regione. La conduzione dei vigneti segue i principi del massimo rispetto della natura e dell’ambiente circostante, con la consapevolezza che il buon vino nasce solo da uve sane e vendemmiate a perfetta maturazione.

 

Girlan_05La Cantina

Gli stessi principi di attenzione e cura caratterizzano il lavoro in cantina. Un processo che ha portato nel 2010 all’ammodernamento della cantina secondo principi di eco-sostenibilità e modernità. Oggi il vino viene spostato solo con la forza di gravità, senza l’uso di pompe o il consumo d’energia elettrica. Sono state rinnovate le presse e riammodernati i locali di vinificazione e stoccaggio dei vini. Il lavoro resta però ispirato dalla fedeltà alla tradizione e alla storia del territorio e la tecnologia è considerata solo uno strumento per raggiungere questo obiettivo.

 

Girlan_02Le vigne

Le vigne si estendono principalmente in cinque aree geografiche. La maggior parte dei vigneti si trova sui dolci rilievi soleggiati e ventilati di Cornaiano, situati tra San Michele e la pianura dell’Adige a un’altitudine sul livello del mare di 450-550. I suoli sono aridi e poveri, costituiti principalmente da ghiaia con presenza d’argilla e conferiscono ai vini eleganza e vivace freschezza minerale. Sui terreni ghiaiosi e ricchi di calcare di Montiggi, si coltivano il gewurztraminer, il moscato rosa e il sauvignon, che a un’atitudine di oltre 500 metri, con buone escursioni termiche, trovano le migliori condizioni per esaltare il loro profilo aromatico. Sulla collina morenica, ricca di calcare e ghiaia, di Gschleier si trovano le vigne storiche di schiava, con piante di oltre 80 anni d’età, che danno basse rese e uve molto concentrate. Il vino ha una straordinaria intensità, che lo rende unico nel panorama dell’Alto Adige. Pinot bianco e sauvignon blanc, sono coltivati a Plattenriegl, vicino alla montagna della Mendola, su terreni calcareo-ghiaiosi a oltre 450 metri d’altitudine. Un microclima perfetto per esaltare le doti di finezza, eleganza e complessità aromatica dei bianchi. Le uve di pinot nero arrivano da Mazzon, la vera culla altoatesina del vitigno borgognone.

 

 

Una selezione dei vini

448Dolomiti 448 s.l.m Bianco Igt

E’ un’interessante cuvée di tre grandi vitigni a bacca bianca: pinot bianco, chardonnay, sauvignon blanc. Le uve provengono dai migliori vitigni coltivati a Cornaiano, su terreni di antica origine glaciale, molto ricchi de minerali. Dopo la fermentazione a temperatura controllata in vasche d’acciaio inox, il vino matura in acciaio sulle fecce fini per arricchire il corpo e il bouquet e donare al sorso una profondità aromatica e una complessità che trova perfetto equilibrio nella freschezza minerale.

 

gewuerztraminer-floraL’Alto Adige è terra di grandi Gewurztraminer, il vitigno aromatico per eccellenza, proveniente dalla zona di Termeno. L’Alto Adige Gewurztraminer Doc Aimè, è prodotto con le uve dei vigneti di Egna e Montagna, su terreni leggeri e ben soleggiati. Il vino si distingue per un quadro aromatico molto intenso e piacevolmente suadente, con aromi di frutta esotica e morbide spezie, che lo rendono perfetto per l’abbinamento a piatti piccanti e della cucina asiatica. L’Alto Adige Gewurztraminer Doc Flora è prodotto con uve provenienti dalle migliori zone di Cornaiano e Cortaccia, che conferiscono al vino struttura e pienezza, con un’intensa ricchezza aromatica, che lo rendono ideale da abbinare a crostacei o a un tagliere di formaggi saporiti.

 

sauvignon-floraUn altro vitigno a bacca bianca coltivato da secoli in Alto Adige con splendidi risultati è il sauvignon blanc. L’Alto Adige Sauvignon Flora Doc nasce dalle uve delle zone più vocate del territorio: Cornaiano, Monticolo ed Appiano Monte, che si trovano a buone altitudini e in aree caratterizzate da notevoli escursioni termiche. Il bouquet è elegante con intensi profumi di fiori bianchi e ortica. Al palato ha uno slancio di grande freschezza minerale, che si stempera in una bella persistenza aromatica. Un grande vino per una cena di pesce.

 

 

448-roseDolomiti 448 s.l.m Rosè Igt

Il vino nasce dal blend di due vitigni autoctoni del territorio, lagrein e schiava, uniti al pinot nero. Le uve di pinot nero e schiava arrivano dalle vigne soleggiate di Cornaiano, mentre il lagrein dalle terre sabbiose della Bassa Atesina. Parte dell’uva viene diraspata e dopo una macerazione di 12 ore viene pressata, il resto del vino, invece, proviene da un salasso delle migliori uve della tenuta. Il vino si affina 5 mesi in acciaio prima di essere messo in commercio, conservando la fragranza fruttata e la freschezza tipica dei vini giovani e immediati.

 

lagreinL’Alto Adige Lagrein Doc è il rosso più tipico e caratteristico del territorio. E’ prodotto con le uve dei vigneti coltivati sui terreni sabbiosi e profondi della bassa Atesina. Il vino ha un profilo olfattivo floreale e fruttato. Al palato fresco, con un finale leggermente aspro. Trova i migliori abbinamenti con la cucina di carne del territorio: in particolare con carni alla griglia o allo spiedo e selvaggina.

 

 

patriciaChiudiamo con l’Alto Adige Pinot Nero Doc Patricia, realizzato con le uve dei vigneti della zona di Mazzon e Montagna, una delle più prestigiose e vocate zone in assoluto di tutto l’Alto Adige. Il vino matura per 15 mesi in piccole e grandi botti di rovere e completa l’affinamento con 6 mesi in bottiglia. Sintesi perfetta di eleganza esprime tutto il fascino raffinato del grande vitigno di borgogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1