Uno sguardo da vicino ai vini biologici

Posted on by

Per molti, la vera battaglia dei vini non è più combattuta tra le diverse annate e marche, ma è invece combattuta tra  vini biologici e dei vini che vengono creati utilizzando vecchi metodi che coinvolgono fertilizzanti e sostanze chimiche artificiali. Più recente ancora, è l’idea di vini biodinamici che ha fatto il giro del mondo e ha guadagnando in popolarità, aggiungendo un altro concorrente per quanto riguarda i metodi di produzione del vino e la creazione di una collezione sempre più vasta di annate da provare.

Il metodo biologico è abbastanza recente, anche se dal punto di vista pratico si tratta di un ritorno all’antichità. In generale, un prodotto è considerato biologico se gli ingredienti utilizzati in esso sono stati prodotti con metodi di coltivazione del tutto naturali. Ciò non esclude l’utilizzo di strumenti artificiali, ma significa che chimici, fertilizzanti e pesticidi artificiali sono assenti completamente dal metodo di produzione, rendendo il vino prodotto il più naturale possibile.

Come per molti altri prodotti alimentari, vi è attualmente un grande mercato per il vino biologico. Questi vini fanno la loro prima apparizione sul mercato nel 1980, ma molti consumatori continuano a considerarli una novità, preferendo i vini prodotti con metodi non biologici.

Tuttavia,  la questione non è tanto a riguardo degli ingredienti utilizzati nella produzione di vino, ma invece si focalizza con la metodologia di produzione. In particolare, l’assenza di anidride solforosa nei vini biologici è un fattore molto importante, perchè il composto influisce molto sulla conservazione del vino. Le proprietà  antiossidanti e  antimicrobiche aiutano a inibire la crescita di varie muffe e batteri, che a loro volta, conservano il  sapore naturale del vino per molto tempo.

La conservazione per lungo tempo era quindi un problema che doveva essere risolto nei vini biologici. Alla fine la soluzione è stata di utilizzando un complesso di  solfiti nel processo di produzione biologica. Qualcuno potrebbe sostenere che l’utilizzo di solfiti va contro l’intero concetto di vino biologico, ma altri sostengono che senza questa piccola modifica non sia possibile ottenere vini di ottima qualità. La veridicità di questa affermazione generale non viene contestata, ma in questi ultimi anni un certo numero di viticoltori hanno lavorato sui metodi di produzione che consentono composizioni di sfruttare i solfiti naturali che sono chimicamente inattive nel vino, piuttosto che aggiungere solfiti in più per preservare la qualità . Il processo è ancora alle prime fasi di sviluppo, ma è probabile che il solfito continuerà a diminuire come metodologia di conservazione nel corso dei prossimi decenni.

Detto questo, vogliamo comunque segnalare che  ci sono ancora viticoltori biologici  che si rifiutano di aggiungere eventuali solfiti ai loro prodotti. Tali vini sono generalmente considerati più puri, tuttavia, come detto, la qualità del vino stesso è generalmente inferiore a quelli che fanno uso  di solfiti.

Cosa fa di un vino un vero vino biologico?

Ma vediamo realmente cosa fa di un vino in vero  vino biologico.

In poche parole, un vino biologico è quella in cui tutte le uve utilizzate per la sua produzione sono cresciute organicamente. Ciò significa che nessuna sostanza estranea, specialmente quelli che utilizzano sostanze chimiche di sintesi, è stata usata nella produzione.

L’uso di prodotti chimici, per chi sceglie la produzione biologica e sotto strettissima sorveglianza. Ciò significa che praticamente  tutti gli strumenti chimici più popolari disponibili al tradizionale vignaiolo sono esclusi a coloro i quali  scelgono il percorso organico.

Un coltivatore organico sarà sempre concentrato sulla salute generale della pianta che sta crescendo. Dovranno garantire che sia forte e che possa resistere ai potenziali danni di parassiti e altre influenze naturali pur producendo un buon raccolto adatto alla produzione di vino.

Grazie al miglioramento della metodologia, la qualità generale dei vini biologici è molto migliorata dalla loro prima comparsa nel 1980, tanto che una grande quantità di vini biologici prodotti oggi sono considerati annate di eccellente qualità. Producendo vitigni più resistenti in modo naturale, le colture biologiche  hanno la capacità di mantenere la loro qualità in anni in cui altre annate vivono un rendimento scarso. L’obiettivo per molti produttori biologici è ora quello di ridurre la dipendenza dai solfiti per garantire che il loro prodotto sia il più naturale possibile.

AlbertMannVini biodinamici

Poiché la produzione di vino biologico ha cominciato a crescere in popolarità, ulteriori modifiche alla metodologia generale sono state fatte da alcuni produttori. Questo ha portato alla nascita di Vini Biodinamici, che prendono le convenzioni che stanno dietro alla produzione biologica affinché venga  garantito che i metodi di produzione seguono una rigida serie di regole per assicurare il massimo livello di qualità.

Affinchè un vino venga considerato biodinamico, il produttore deve utilizzare i nove preparati biodinamici. Maggiori informazioni a riguardo sono disponibili all’indirizzo http://it.wikipedia.org/wiki/Agricoltura_biodinamica. In generale si utilizzano accurate preparazioni di fertilizzanti naturali  per garantire un raccolto di buona qualità.

Sono recentemente stati fatti vari test per confrontare vini prodotti biodinamicamente con i vini tradizionali, e i vini biodinamici sono stati in effetti trovati di qualità superiore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1