Portami via

Posted on by

“No grazie, devo guidare…”
Accade spesso al ristorante che il vino alla mescita non corrisponde ai nostri desideri oppure non è il più indicato ad esaltare il piatto a tavola, inevitabile l’acquisto della bottiglia. Decisamente poco piacevole però a fine pasto lasciare bottiglie mezze piene sul tavolo sapendo che poi si deve guidare per non mettere a rischio salute e patente.
Che fare? Rinunciare al piacere del vino desiderato?
Forse non tutti sanno che è possibile bere responsabilmente e senza spreco.
Portami via” è la campagna già da tempo attiva di cui desidero parlare in un momento in cui crisi economica e codice stradale, rendono sempre più difficile la degustazione di una o più  bottiglie di buon vino in wine-bar o ristoranti.

Portami via” è un iniziativa di A.I.S. Associazione Italiana Sommelier che tutela il consumatore, promuove il buonsenso, stimola la cultura del non spreco  e permette di non rinunciare a degustare il vino desiderato.
Ho invitato Emanuele Lavizzari  (Foto) Sommelier A.I.S. e collaboratore Redazione Devinis a spiegare personalmente di cosa si tratta.

“Una cena al ristorante in compagnia e una buona etichetta di vino! Che c’è di meglio per trascorrere una bella serata? Talvolta però può succedere di lasciare la bottiglia ancora mezza piena accanto al piatto, magari per timore di qualche alcoltest sulla via del rientro. Dalle nostre parti purtroppo non è ancora consuetudine quella di portare a casa il vino non consumato al tavolo. Prendere con sé la bottiglia è pratica diffusa, però, già in diversi Paesi… In fondo, che male c’è portare via qualcosa che abbiamo pagato?
L’Associazione Italiana Sommelier, impegnata da quasi mezzo secolo nella diffusione della cultura del vino e del “bere bene e consapevole”, ha pensato quindi di intraprendere un’azione mirata al rispetto di questo prodotto di qualità contro ogni forma di spreco e a sostegno della sicurezza sulle strade.
Esistono già all’estero realtà in cui comunemente si porta a casa con disinvoltura il vino che non viene con­sumato. E allora ecco la campagna “Portami Via”, un’iniziativa rivolta a tutti i proprietari e gestori di ristoranti, enoteche e locali: un’elegante wine bag, fornita dall’AIS, consente agli ospiti di riporre la bottiglia non terminata e di portarla via con sé. I locali aderenti espongo all’ingresso una vetrofania che li caratterizza e li inserisce in un importante circuito.”

Ringrazio Emanuele per la disponibilità, personalmente trovo l’iniziativa molto interessante ed utile, complimenti ad A.I.S.!
Per conoscere tutti i locali della rete “Portami Via” e trovare le indicazioni per entrare a farne parte, visitate il sito dell’Associazione Italiana Sommelier

 

3 thoughts on “Portami via

  1. Ottima iniziativa!
    Con “Portami via” si può scegliere tranquillamente un vino in bottiglia e portare a casa la bottiglia se non finita. Un idea che permette la degustazione di diversi vini durante un pasto con abbinamenti ottimali senza esagerare o rinunciare. Ci piace!

  2. Iniziativa molto intelligente..ma penso che solo chi ama il vino avrà la sensibilità di superare quello stupido senso di vergogna nel chiedere di portar via la bottiglia. Difetto tutto made in italy visto che in molti altri paesi si fá giá da molto tempo. un saluto all’osteria di via roma a san martino di lupari tra i primi ad aderire all’iniziativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • xtrawine-blog-article-right1
  • Articoli Recenti

  • Facebook

  • 1